Cerca

Il dramma

Pietro Genovese, parla l'amico che era con lui: "Stringeva il volante sconvolto, era impossibile evitarle"

28 Dicembre 2019

8

Spunta un nuovo retroscena sul caso di Pietro Genovese, il 20enne che ha investito e ucciso Gaia e Camilla in Corso Francia. Lo racconta il Corriere della Sera, che ha parlato con Davide Acampora, il ragazzo che era seduto al fianco di Genovese la notte del tragico indicente. "Sono stato il primo a scendere dalla macchina. Mi sono avvicinato alla ragazza che ho trovato subito a terra e ho sentito che non respirava più. È stato terrificante. Poi ho alzato lo sguardo e ho visto più avanti il corpo dell'altra giovane. Eravamo tutti sotto choc, ma è vero che sono sbucate all'improvviso. Evitarle era impossibile".

Per approfondire leggi anche: Gaia e Camilla, l'amara verità di Feltri

Interrogato dai vigili urbani, Acampora ha riferito alcuni particolari di quella maledetta serata: "Non avevamo assunto droghe di alcun genere. Avevamo invece bevuto qualcosa, ma Pietro non era certo ubriaco. Dopo l'incidente era sconvolto". Oltre a Davide, in macchina c'era anche Tommaso Edoardo Luswergh Fornari, che è stato sentito come persona informata sui fatti ma non ha voluto rilasciare dichiarazioni pubbliche. I due ragazzi avrebbero scosso Genovese che dopo l'impatto ancora stringeva il volante del suv e aveva percorso alcune centinaia di metri. "Gli abbiamo detto di fermarsi e tornare indietro", avrebbero riferito i due amici del 20enne, che come prima cosa ha telefonato al padre chiedendo aiuto.

Fonte video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • positiveday

    28 Dicembre 2019 - 15:14

    Infatti, il test di alcol e droga andrebbe fatto anche alle vittime. Non è che se uno si butta sotto la macchina allora il guidatore è un criminale ed amen. I fatti vanno analizzati.

    Report

    Rispondi

  • falcodellarupe

    28 Dicembre 2019 - 13:44

    Giudicare gli altri, siamo tutti dei fenomeni, quando poi succede a noi? I fenomeni sono gli altri?

    Report

    Rispondi

  • Ulanbator

    28 Dicembre 2019 - 13:04

    patrenius2 : secondo il tuo ragionamento le ragazze sarebbero state ancora piu' vive se non avessero attraversato la strada di notte, con la pioggia e col semaforo rosso. Inoltre giustizia vorrebbe che anche alle due ragazze fossero applicate le prove di alcool e droghe perché una persona normale non attraverserebbe una strada trafficata in simili condizioni

    Report

    Rispondi

    • barry

      28 Dicembre 2019 - 16:49

      Non mi sembra che patrenius2 abbia espresso questi concetti. Comunque sì, in una strada dove, in piena notte e senza controlli, NESSUNO rispetta i limiti, è perlomeno da incoscienti attraversare col semaforo rosso, saltando il guard rail e non dando a chi arriva il tempo materiale per vederti ed evitarti. Penso e spero che abbiano fatto gli alcool test anche alle vittime.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

ultime news