Cerca

Il sisma del 2016

Giuseppe Conte in visita ad Accumoli, il colpo di grazia ai terremotati: "Dovete entrare in quest'ottica"

13 Settembre 2019

5

"Dobbiamo intervenire nell'ottica che per la ricostruzione occorreranno anni, non ne bastano uno o due. Dobbiamo intervenire per superare alcune criticità". Giuseppe Conte, al termine della sua visita ad Accumoli, nelle zone terremotate, avverte i residenti che non sarà veloce la ricostruzione e annuncia che non ci saranno proroghe: "Le domande per la ricostruzione privata, faccio un esempio, procedono molto lentamente, a volte perché si tratta di seconde case, molto spesso per una serie di procedure burocratiche e complesse. Dobbiamo però iniziare a dire che entro dicembre 2019 chi è interessato si deve affrontare. Paradossalmente la prospettiva di una ulteriore proroga rallenta, noi dobbiamo definire il perimetro degli interventi. Lo dico chiaramente: non concederemo più proroghe, tutti devono essere messi nelle condizioni di avvantaggiarsi, perché non ce ne saranno più". E, conclude il presidente del Consiglio: "Quello che emerge è che ci debba essere un modello organizzativo per la ricostruzione che valga una volta per tutte. Poi ci sono tanti problemi concreti che stiamo affrontando".

Fonte video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piccolapatria

    13 Settembre 2019 - 20:08

    A chi ha parlato? Alle transenne che, a quanto pare, lo isolavano dalla gente. Certo, una ricostruzione dopo un così terribile terremoto richiede anni e anni; ne so qualcosa da friulana che ha visto la tragedia del 1976. Il Friuli è stato ricostruito(senza mangerie né pubbliche né private); ci sono voluti circa dieci anni per completare; ma la mia regione aveva politici con in controfiocchi.

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    13 Settembre 2019 - 18:06

    questo gasato dura poco.

    Report

    Rispondi

  • selliotu

    13 Settembre 2019 - 18:06

    Per loro ci sono prima gli immigrati , poi gli ebeti elettori che li votano. Possono aspettare, tanto ci sono abituati a fare sacrifici per gli ospiti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

ultime news