Cerca

Parole chiare

Gian Marco Centinaio, la profezia sul governo dopo le Europee: "Torniamo amico col M5s? Col cavolo"

18 Maggio 2019

0

Dopo le elezioni Europee del 26 maggio nel governo non tornerà tutto come un tempo, quando i rapporti tra Lega e M5s sembravano indistruttibili. Anzi, secondo il ministro dell'Agricoltura, il leghista Gian Marco Centinaio, la tensione degli ultimi giorni non promette niente di buono: "Quando hai un dibattito acceso su temi seri e concreti, una volta finita la campagna elettorale è facile trovare margini di recupero - ha detto ospite dell'assemblea di Confagricoltura a Milano - Ma quando l'alleato di governo ti dice che sei peggio della peggior tangentopoli, con alcuni ministri, tra cui il sottoscritto, diventa difficile". Insomma, secondo Centinaio non ci sono più i presupposti per rimettere insieme i cocci: "Io chiedo le scuse da parte del M5S, ma non sono ancora arrivate - aggiunge -. Amici un cavolo, sono colleghi. I miei amici non sono all'interno del governo".

Il ministro dell'Agricoltura, Gian Marco Centinaio, critica l'"ondata di corruzione" di cui si parla in seguito alle numerose indagini della magistratura, commentando oggi a margine dell'Assemblea di Confagricoltura a Milano: "Mi sembra strano che i corrotti siano arrivati a 10 giorni dal voto", dubita. E si chiede: "Come mai questa ondata di corruzione a 10 giorni dal voto tutta nei confronti di una classe politica? Siamo diventati tutti ladri? C'e' un problema di tempistiche, siamo sempre alle solite, siamo in Italia. Lo abbiamo capito". 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news