Cerca

Il sottosegretario leghista

"Tensioni estenuanti, così non va". Bomba-Giorgetti: "Cosa dobbiamo fare ora"

1 Maggio 2019

1

"Le tensioni fanno parte della natura delle cose nei governi di coalizione. Diciamo che bisogna arrivare a un chiarimento su tutti i punti che sono in ballo, perché, altrimenti, diventa estenuante". Giancarlo Giorgetti avverte gli alleati pentastellati sul rischio che si corre se si mantiene questo clima: "Siamo da 4 mesi in campagna elettorale tra regioni, comuni ma poi ci sono cose da chiarire come, per esempio, la vicenda dell'autonomia delle Regioni, che fa parte del contratto di governo e che noi vogliamo portare a casa. Senza mettere nessuno in difficoltà, ma questo a noi è chiaro e deve essere chiaro a tutti".

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio parla anche del caso di Armando Siri: "Nessuna melina", dice. Se arrivasse il rinvio a giudizio del sottosegretario alle Infrastrutture, il patto di governo Lega-M5S parla chiaro: "Nel contratto che abbiamo stabilito ci sono delle regole che ci siamo dati. È chiaro che il rinvio a giudizio presuppone che ci sia una verifica preventiva, che al momento però nessuno conosce". Il vicesegretario federale della Lega ha ricordato che ieri "il presidente del Consiglio e Siri si sono spiegati, non conosco il contenuto dell'incontro, ma al momento resta lì anche se credo non abbia le deleghe, quindi resta lì". 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vincentvalentster

    01 Maggio 2019 - 19:07

    Andare tranquilli alle elezioni europee e poi chiudere bottega

    Report

    Rispondi

ultime news