Cerca

Il milleproroghe

Milleproroghe, il brutto segnale per la maggioranza M5s-Lega: dal 6 giugno mancano 34 voti

13 Settembre 2018

2

Ventuno voti in meno rispetto alla fiducia che il governo Conte ha incassato lo scorso 6 giugno, giorno in cui il premier si presentò in Aula a Montecitorio per al prima volta.La prima fiducia posta dall’esecutivo su un provvedimento, esattamente il decreto Milleproroghe, dopo 100 giorni a palazzo Chigi, fa registrare 21 voti in meno: i sì, infatti, sono stati 329, mentre il 6 giugno furono 350 i voti favorevoli, quando votarono a favore anche alcuni deputati ex M5s e gli esponenti del Maie, questi ultimi anche oggi hanno dato il loro voto alla fiducia. Considerate le assenze, tra quelle giustificate e quelle no - che saranno verificabili sui tabulati ufficiali della votazione - l’esecutivo comunque ottiene 21 voti in meno. Se si considerano invece i voti totali che sulla carta ha la maggioranza M5s-Lega, ovvero 346 voti (222 deputati del M5s e 124 della Lega), nel voto di fiducia di oggi la maggioranza ’perdè quindi 17 voti.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • barry

    14 Settembre 2018 - 00:12

    C'erano molti assenti, per vari motivi. Non fatevi troppe illusioni, corvacci!

    Report

    Rispondi

  • ventotralemani

    ventotralemani

    13 Settembre 2018 - 17:05

    Grillini inaffidabili! Game over ! fate la legge di bilancio e poi tutti a casa ,si vota con europee, amministrative, e politiche, >Ci si risparmierebbe pure!

    Report

    Rispondi

ultime news