Cerca

Partito senza dignità

Ponte Morandi, la vergogna del Pd: "Applausi a Salvini e Di Maio ai funerali, tutto pilotato"

19 Agosto 2018

1

Il livello a cui è precipitato il Pd lo si capisce durante e dopo i funerali di Stato di Genova. Il segretario Maurizio Martina e l'ex ministra della Difesa Roberta Pinotti, genovese, portano l'omaggio alle famiglie delle vittime del crollo del ponte Morandi, ma al loro arrivo si beccano i fischi e i buu dei presenti.



Il motivo è semplice: più che la politica, c'entra la rabbia per chi avverte il Pd come il partito che ha governato l'Italia dal 2011 a oggi, e prima ancora per un quinquennio spezzato. L'amico delle banche, dei potenti, oggi pure dei Benetton e di Autostrade per l'Italia. Logico che, a caldo, dopo quella che viene definita una "strage di Stato", ce la si prenda con chi è stato al potere per anni e non chi ci è arrivato, per la prima volta, da due mesi.

Non a caso Matteo Salvini e Luigi Di Maio, sicuramente più in sintonia con la pancia degli italiani rispetto ai dem, sono stati applauditi per le loro posizioni forti contro Autostrade. E qui si misura lo stato di salute comatoso del Pd. Di fronte alle bare e alle lacrime, il primo pensiero al Nazareno sono proprio gli applausi ai nemici. Nella chat dei fedelissimi renziani si parla di "claque": sarebbe insomma stato "tutto pilotato", da Salvini e Di Maio, per umiliare il Pd ed esaltare i leader di Lega e M5s. Più triste di questi retro-pensieri, c'è solo la tragedia e il dolore, quelli verissimi, di una città.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • traianus

    19 Agosto 2018 - 17:05

    Da sputargli in faccia per l'orrore che fanno questi farabutti.

    Report

    Rispondi

ultime news