Cerca

Il contratto dell'orrore

Luigi Di Maio: "Governo al rialzo con il Pd o voto". Poi la bomba: via tv e giornali a Silvio Berlusconi

26 Aprile 2018

7

Il Movimento 5 Stelle e Luigi Di Maio vogliono togliere tv e giornali a Silvio Berlusconi. Dal confronto con Roberto Fico, la delegazione grillina esce con qualche dubbio sul governo con il Pd e un'unica certezza: l'odio nei confronti del Cavaliere. 

"Dobbiamo abbandonare il vocabolario della prima e seconda Repubblica, qui non ci sono forze politiche che fanno alleanze ma i cittadini che fanno un passo avanti. Stiamo cercando di mettere a punto un buon contratto di governo al rialzo e non al ribasso. Ai cittadini interessa avere un reddito di cittadinanza che li porti sopra alla soglia di povertà o che due forze politiche litighino per l'eternità?", è la domanda retorica di Di Maio, che al Pd chiede "uno sforzo. Non si può chiedere al M5s di rinnegare le sue battaglie storiche". L'alternativa, spiega ancora il candidato premier pentastellato, è "il ritorno al voto".

L'imbarazzo dei grillini è evidente, perché si ritroverebbero a dover governare con chi fino a un paio di mesi fa consideravano la rovina d'Italia. Forse per questo Di Maio ribalta il tavolo e accende il ventilatore della macchina del fango: "Chissà perché da qualche giorno le tv e i giornali di Berlusconi stanno seminando delle velate minacce contro Matteo Salvini, nel caso di un eventuale accordo di governo con il M5s. Credo che in questo Paese serva allora una nuova legge contro il conflitto d'interessi, nessun politico può avere mezzi di informazione a propria disposizione". Altro che "governo di rottura", quello M5s-Pd rispolvera già il ritornello di questi ultimi 20 anni. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu_ing

    27 Aprile 2018 - 00:12

    morto di fameinvidioso

    Report

    Rispondi

  • esasperata49

    26 Aprile 2018 - 20:08

    forse di maio nn si rende conto della grossa castroneria che ha detto, se fosse un imprenditore, invece che essere un emerito piccolo uomo, potrebbe anche parlare, ma così assomiglia a quel dittatore coreano che tutti definivano folle o ad un napoleone(senza le capacità).poi ditegli che se chiuderà tutte le imprese del cav, si troverà a dover centuplicare la cifra x il reddito di inclusione....

    Report

    Rispondi

  • levantino

    26 Aprile 2018 - 17:05

    E se un giorno volesse levare tutte le attività che non sono di suo gradimento? Ma mi faccia il piacere! E Mattarella gli regge ancora il sacco? Lo manderei a quel paese. Sia chiaro,non tengo,attualmente,per nessun partito. Per poi dire.........

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

ultime news