Cerca

Migranti, Tar accoglie il ricorso di Open Arms. Verso Lampedusa

"La nave può entrare in acque italiane"

14 Agosto 2019

0

Lampedusa, 14 ago. (askanews) - La Open Arms fa rotta verso Lampedusa. Rimasta bloccata per 13 giorni nel mare Mediterraneo, la nave dell'Ong spagnola, con a bordo 147 migranti, ha annunciato che si sta dirigendo "verso il porto sicuro più vicino" dopo che il Tar del Lazio ha disposto la sospensione del divieto d'ingresso nelle acque italiane per permettere il soccorso delle persone a bordo. La decisione senza precedenti del tribunale amministrativo arriva poco dopo l'accorato appello di Open Arms e Medici senza frontiere a far sbarcare i migranti presenti a bordo delle loro navi, a fronte del peggioramento delle condizioni meteo.

"Se la situazione era già difficile a bordo di Open Arms, la meteorologia la trasforma in drammatica, davvero gli stati europei permettono una cosa simile? Come la chiamate questa, se non emergenza umanitaria? Dove siete?" avevano twittato.

Poi la svolta: "Siamo lieti di constatare come, ancora una volta, dopo il Tribunale per i Minori, anche il Tar abbia ritenuto di dover intervenire per tutelare la vita e la dignità delle persone e abbia riconosciuto le ragioni della nostra azione in mare ribadendo la non violabilità delle Convenzioni Internazionali e del Diritto del Mare".

Dal canto suo il ministro dell'interno Matteo Salvini poco prima aveva rimandato al mittente l'appello del premier Conte a far sbarcare i migranti. "Ma una nave è straniera e non vedo perché debba farlo in Italia" ha detto tagliando corto.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news