Cerca

Bologna, la Gazzotti fallisce e 18 operai salvano la fabbrica

E ora firmano un primo contratto con Samsung Corea

12 Luglio 2019

0

Roma, 12 lug. (askanews) - Un'azienda fondata 100 anni fa da un industriale, sequestrato e ucciso dall'Anonima Sequestri; un marchio sopravvissuto a due guerre mondiali diventato famoso all'estero; una fabbrica che è arrivata a dare lavoro a 130 persone con un fatturato di 25 milioni di euro.

Complice la crisi del settore edile, lo scorso anno, la Gazzotti, azienda che produce parquet prefiniti in legno, è fallita. E' stato l'inizio di una via crucis per gli operai che prima sono andati in cassa integrazione e poi hanno assistito all'apertura della procedura di liquidazione. Sembrava tutto finito. Ma non per diciotto degli ex dipendenti che hanno deciso di mettersi in gioco, formare una cooperativa e rilevare la fabbrica, grazie a una operazione di workers buyout, resa possibile grazie al versamento della loro Naspi e ai finanziamenti di Coopfond, fondo mutualistico di Legacoop.

Ora la fabbrica è ripartita. E ha firmato un contratto con Samsung Corea. Ma è solo il primo atto dell'operazione che i diciotto operai dovranno portare avanti per arrivare quest'anno a raggiungere l'obiettivo del piano industriale 2019 che prevede un fatturato tra i 4 e i 5 milioni di euro. Sperano di poter arrivare un giorno a riassumere gli altri dipendenti che hanno perso il lavoro dopo il fallimento.

"Mi è caduto il mondo addosso, ho un mutuo, una famiglia".

"Io ho ancora un mutuo da finire di pagare, 55 anni, sarà difficile".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news