Cerca

Turismo, Gattinoni: pronti a affrontare sbarco di Google a Amazon

Nel 2018 fatturato 286 mln, Ebitda di 6 mln con crescita del 72%

13 Giugno 2019

0

Milano, 13 giu. (askanews) - Il Gruppo Gattinoni ha chiuso il 2018 con un fatturato di 286 milioni di euro, in crescita del 16% sul 2017, e un Ebitda di 6 milioni di euro, pari a un incremento del 72% rispetto all'anno precedente. Numeri che confermano l'azienda come uno dei principali operatori del mercato turistico italiano, per volumi, redditività, offerta e posizionamento del marchio su tutto il territorio nazionale come evidenzia il presidente del Gruppo, Franco Gattinoni.

"Siamo molto soddisfatti- ha detto - perché avevamo un programma triennale e il primo anno, cioè il 2018, si è concluso rispettando in pieno le nostre aspettative, anzi decisamente superiore alla nostre aspettative. Nella nostra azienda abbiamo più opportunità perché ci muoviamo nel mondo Mice, nel mondo business travel e nel mondo turismo, tre linee che ci stanno dando soddisfazione. Stiamo sviluppando anche del prodotto interno, abbiamo quindi un insieme di progetti che forse oggi non tutte le aziende del settore stanno interpretando. Questo ci aiuta sicuramente, abbiamo fatto dei grandi investimenti negli anni scorsi e oggi stanno dando i frutti che ci aspettavamo".

Quanto al 2019 l'obiettivo di fatturato si aggira intorno ai 320

milioni di euro.

"I primi mesi - ha proseguito parlando del 2019 - molto positivi, da gennaio fino al 30 di aprile. A maggio abbiamo pagato un po' le vendite fatte sui ponti di aprile perché le vacanze sono state lunghe quindi è stato un mese di maggio un po' difficile, ad oggi abbiamo comunque dei numeri molto positivi e il mercato si sta riprendendo nell'ultima settimana".

All'orizzonte si vedono però colossi come Google e Amazon che si stanno affacciando sul mercato del turismo, ma Gattinoni non sta a guardare.

"Stiamo investendo tantissimo - ha concluso - in tecnologia per tutto il nostro network, che oggi conta più di 1.200 agenzie in tutto il territorio italiano, questo ci permette di poter comunicare col cliente 24 ore al giorno, ci consente anche di segmentare le offerte in maniera diversa, abbiamo ad esempio preparato dei prodotti per i millenials, per i giovani, per chi vuole il viaggio break e non il classico confezionato, sempre poi con assistenza, quando è necessario come nel caso di un volo che non parte, di un agente di viaggio a disposizione del nostro cliente".

Una controffensiva basata dunque sull'attenzione al cliente attraverso la tecnologia senza dimenticare l'importanza del rapporto umano.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news