Cerca

Operazione della Dia Messina, in manette politici e imprenditori

Smantellato sistema clientelare-affaristico mafioso

2 Agosto 2018

0

Palermo (askanews) - Uno stretto intreccio tra esponenti della criminalità locale, politici, imprenditori e faccendieri è stato scoperto grazie a una operazione della Direzione investigativa antimafia a Messina e in altre città siciliane. Eseguite 13 ordinanze cautelari, emesse dal gip di Messina. Al centro di quello che gli inquirenti definiscono "comitato d'affari" ci sarebbe l'ex presidente del consiglio comunale Emilia Barrile, che come dimostrerebbero le intercettazioni ambientali, facendo pressioni su dirigenti e funzionari comunali, agevolava le pratiche degli imprenditori che a lei si rivolgevano. La donna è accusata di associazione a delinquere, abuso d'ufficio, atti contrari a doveri di ufficio e violazione dei doveri di imparzialità nei confronti della pubblica amministrazione.

Contestualmente sono stati eseguiti sequestri di imprese e beni immobili per un valore di numerosi milioni di euro. L'attività d'indagine denominata "Terzo livello" ha evidenziato, in sintesi, una rete di rapporti clientelari/affaristici nella gestione della cosa pubblica.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news