Cerca

Fantasmi

Serena Williams peggio di Laura Boldrini: insulta l'arbitro e viene punita. "Sessismo"

9 Settembre 2018

1

Clamorosa sceneggiata di Serena Williams (nel video, un passaggio) nel corso della finalissima degli Us Open, persa 6-2 6-4 contro la giovane Naomi Osaka. La Williams, infatti, ha pesantemente insultato l'arbitro, dandogli del "ladro" dopo una decisione che contestava. Dunque, per penalità, le è stato tolto un gioco. A quel punto lo sfogo in salsa boldriniana: "Lo sapete tutti quello che ho fatto per arrivare qui (era da poco rientrata dalla maternità, ndr), se fossi stato un uomo tutto questo non sarebbe successo". Dunque, nel corso della conferenza stampa che ha seguito l'incontro, ha aggiunto: "Ho visto giocatori uomini dire di tutto ai giudici. Sono qui per lottare per i diritti delle donne e per l'uguaglianza femminile. Io ho detto ladro, lui mi ha tolto un gioco, mi è sembrata una decisione sessista. Non avrebbe mai tolto un gioco a un uomo perché ha detto ladro". Insomma, la Williams insulta l'arbitro, viene punita e si tratterebbe di sessismo. Versione a cui ovviamente crede il sito di Repubblica, che dava la notizia in apertura che titolava: "La reazione di Serena Williams diventa un caso di parità di genere". Convinti loro, convinti tutti. Di sicuro ne è convinta la Williams, che ha chiosato: "Continuerò a lottare per i diritti delle donne". Nobile causa, per carità: ma che c'entrano i diritti delle donne con quanto accaduto nelle ultime ore?

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pacemarioangelo

    09 Settembre 2018 - 15:03

    si sa che gli uomini sono stronzi e che molte donne vogliono essere, appunto, uguali

    Report

    Rispondi

ultime news