Cerca

Intesi?

Matteo Salvini sfida le sardine: "Mi odiano. Mettete fiori nei cannoni ma non fraintendetemi"

3 Febbraio 2020

1

"Un messaggio alle sardine?". Matteo Salvini, da Palermo, sceglie l'ironia per massacrare con garbo Mattia Santori e compagni, che per la verità in questi giorni stanno affrontando ben altri problemi. "È un movimento che mi odia - esordisce il leader della Lega davanti ai giornalisti che lo incalzano -, cosa devo dire? Mettete dei fiori nei vostri cannoni. Però magari la fraintendono". Eppure, il linguaggio peace&love sessantottino dovrebbe essere nelle loro corde. 

A quanto pare, però, ai pesciolini di sinistra manca anche autoironia, visto che la foto di Santori e i suoi 3 amici fondatori bolognesi con Luciano Benetton è stata accolta da una raffica di insulti clamorosa, roba riservata fino a oggi solo al leghista. "Se uno nasce perché gli sta antipatico Salvini - ha concluso l'ex ministro degli Interni -, fa una brutta vita, è una brutta vita quella che ti vede in piazza contro qualcuno. Sono qui a offrire un'idea di città ai palermitani che hanno voglia di ascoltare". Ovviamente, le sardine siciliane hanno organizzato una contro-manifestazione da opporre al comizio di Salvini.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eurocontrol

    04 Febbraio 2020 - 10:25

    Sinistri ,siete voi a spargere odio a vagonate. Rilassatevi ,perchè tanto al Governo ( G maiuscola) , Salvini ed il Centrodestra ci andranno.

    Report

    Rispondi

ultime news