Cerca

Il blitz al Pilastro

Giorgia Meloni, Salvini e il citofono, giudizio a sorpresa: "Una provocazione, c'è rischio emulazione"

24 Gennaio 2020

2

"Una provocazione, ma c'è rischio di emulazioni". Giorgia Meloni, un po' a sorpresa, giudica così la "citofonata" di Matteo Salvini alla famiglia tunisina del Pilastro, quartiere periferico e degradato di Bologna. Il blitz elettorale del leghista, accompagnato da una mamma anti-droga molto nota nella zona, è diventato una diretta Facebook trasmessa poi anche in tv, con conseguente pioggia di critiche e polemiche da sinistra. 

Mentre anche il giovane tunisino smentisce di essere uno spacciatore e ha espresso la volontà di tutelarsi legalmente contro Salvini e la signora, la leader di Fratelli d'Italia prende un po' le distanze dall'alleato a poche ore dalle decisive regionali in Emilia Romagna. "Il tema dello spaccio e dell'impunità è un tema che va affrontato - spiega la Meloni -. Salvini ci ha abituato a simili derapage, è un modo per denunciare il problema a istituzioni che spesso sembrano sorde. Quando si è una persona in vista, però, si rischiano emulazioni che non si sa dove possano arrivare".


Video di Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rizzotoni

    28 Gennaio 2020 - 15:16

    se il Popolo è Sovrano come recita la Costituzione Italiana,difronte all'assenza e corruzzione delle forze dell'ordine è il Popolo che deve assumersi le responsabilità del quieto vivere Sociale,Se è vero come disse il Filosofo Aristotele ,"che l'uomo è un Animale razionale ma,che se viene meno la "ratio"resta l'animalità,dunque ,a mali estremi estremi rimedi.

    Report

    Rispondi

  • nicoba

    24 Gennaio 2020 - 18:58

    la Meloni, più che la destra, mi sembra rappresenti la democrazia cristiana

    Report

    Rispondi

ultime news