Cerca

Dem nervosi

Pd allo "sbraco totale" verso il Movimento 5 Stelle: dissidi interni, l'alleanza giallorossa non piace più

14 Gennaio 2020

0

Il Partito Democratico mette le mani avanti e approfitta della due giorni di ritiro in abazia per compattarsi sulla necessità di rendere il più solido possibile il governo Giuseppe Conte bis, in modo da resistere ad una sempre più possibile sconfitta in Emilia Romagna. Come riporta Repubblica, il discorso di Dario Franceschini in questo senso è stato chiarissimo: bisogna blindare l'alleanza giallorossa per altri tre anni, e quindi il reddito di cittadinanza non si tocca e l'addio ai decreti sicurezza viene rinviato al dibattito parlamentare.

Per approfondire leggi anche: "Zingaretti è un leader inesistente"

La strategia conservativa di Franceschini non piace però ad una parte del Pd, che ritiene di non poter andare avanti solo per evitare che Matteo Salvini conquisti Palazzo Chigi. Il più critico è Matteo Orfini, che secondo Repubblica è uscito furente dal tavolo tematico sull'immigrazione: "La corrente di Franceschini vuole accogliere solo i rilievi del capo dello Stato e toccare al minimo i decreti Salvini. Così è una presa in giro. Non è nemmeno una trattativa ma uno sbraco totale verso i grillini". Nicola Zingaretti condivide però la linea della prudenza, troppo importante consolidare l'alleanza con Conte e il Movimento 5 Stelle, tutto il resto viene dopo.

Nel video la seconda giornata di lavori del Pd a Contigliano. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news