Cerca

Lo schiaffo

Mes, Giuseppe Conte alla Camera: "Basta sospetti sull'Italia", ma l'aula nel giorno decisivo è deserta

11 Dicembre 2019

6

Il Mes arriva alla Camera. E con lui Giuseppe Conte, che apre il suo intervento affermando: "Non è il tempo per dividersi o per lasciarsi dividere. Serve una maggiore coesione tra i partner europei". Parole pronunciate davanti a un'aula sostanzialmente deserta, tanto che al fianco del premier non c'è neppure Luigi Di Maio, il ministro degli Esteri. Ma tant'è, Conte chiede di non sopravvalutare il peso dell'asse franco-tedesco e nei fatti difende il salva-Stati e il percorso che ha condotto il governo in questa peculiare situazione: "Rivendico un metodo inclusivo nelle decisioni europee", azzarda il presunto avvocato del popolo. E ancora: "Non bisogna insinuare dubbi negli italiani. Alcune posizioni sono mirate a portare l’Italia fuori dall’euro. Se così fosse, bisogna dirlo chiaramente. Io e il ministro Gualtieri - rimarca il presidente del Consiglio - abbiamo dimostrato che la riforma non apporta modifiche sostanziali e non introduce alcun automatismo nella ristrutturazione del debito ma lascia all’Ue il fondamentale ruolo di valutarne la sostenibilità e di assicurare la coerenza complessiva delle analisi macroeconomiche effettuate sui Paesi membri", la spara grossa. Insomma, secondo Conte, criticare il Mes sarebbe propedutico a quell'uscita dall'euro che nessuno ormai sostiene più. Parole che cadono nel vuoto dell'aula deserta, dove impazza un premier sempre più allo sbaraglio.

Di seguito, la foto dell'aula deserta:

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agosvac

    11 Dicembre 2019 - 16:34

    Conte non riesce a capire che più fa lo schiavo dell'UE tedesca più possibilità ci sono di chiudere anticipatamente la sua esperienza politica, ma definitivamente!!!

    Report

    Rispondi

  • frank44fausto

    11 Dicembre 2019 - 16:08

    Conte: un bugiardo impenitente

    Report

    Rispondi

  • Saputello

    11 Dicembre 2019 - 14:01

    I poveretti fanno cosi. Infatti chi gli paga.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

ultime news