Cerca

Pd-M5s allo stadio terminale

Luigi Di Maio non applaude Conte alla Camera poi non va al Senato: sul Mes cade il governo?

2 Dicembre 2019

0

Prima non applaude il discorso di Giuseppe Conte alla Camera, poi Luigi Di Maio diserta il bis al Senato e si asserraglia alla Farnesina per una riunione con i ministri del Movimento 5 Stelle. Sul Mes rischia di crollare tutto l'impianto della maggioranza, dopo un tesissimo summit domenicale a Palazzo Chigi che sembrava aver sancito una fragile tregua tra Pd (favorevole al fondo Salva-Stati), 5 Stelle (scettici, se non contrari), Italia Viva e LeU

Chi era presente a Montecitorio non ha potuto fare a meno di notare la freddezza glaciale tra Conte e Di Maio, con il premier molto più "vicino", anche fisicamente, al ministro dell'Economia Roberto Gualtieri del Pd, strenuo difensore del Mes. Pochi minuti dopo, a Palazzo Madama, accanto a Conte c'erano i ministri Dario Franceschini e Roberto Speranza, capo delegazione, rispettivamente, Pd e Leu, e i colleghi Gualtieri, Enzo Amendola e i grillini Stefano Patuanelli, Federico D'Incà e Nunzia Catalfo.

Nel Pd hanno notato l'atteggiamento di Di Maio e Alessia Rotta, vicepresidente vicaria del gruppo dem alla Camera chiede a Di Maio di dire "chiaramente da che parte sta. Con chi vuole stare nell'euro o con chi vuole sfasciare tutto, mettendo a rischio risparmi italiani?".

Video di Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news