Cerca

ilva e arcelormittal

Ex Ilva, Matteo Renzi e l'emendamento che Matteo Salvini potrebbe votare: verso la crisi di governo

11 Novembre 2019

4

Il caso ex Ilva scuote le acque del governo ed è Giuseppe Conte, a poche ore di distanza dall'incontro con i vertici di ArcelorMittal, a pagarne le conseguenze. Il premier viene infatti tirato in continuazione per il colletto: da una parte il Pd intenzionato a ripristinare lo scudo penale, dall'altra il Movimento di diverso parere rispetto agli alleati. A mettere il dito nella piaga di un già fragile esecutivo è Matteo Renzi. Chissà che il rottamatore per eccellenza, con un colpo a sorpresa, non ribalti le sorti giallo-rosse. Non è un caso che il leader di Italia Viva abbia presentato - come ricorda Il Messaggeroun emendamento al decreto legge fiscale per ripristinare l'immunità (necessaria per non incorrere in cause legali nel periodo necessario per il risanamento ambientale) al colosso dell'acciaio. 

Emendamento che Luigi Di Maio ha già intimato di ritirare. "Su questo si potrebbe creare un vera crisi di governo" gli avevano fatto eco alcuni pentastellati. E così alcuni grillini corrono ai ripari e, in silenzio alla Camera, mettono mano a una proposta che non cita mai la parola "scudo penale", ma che detiene lo stesso significato. Un escamotage, questo, per cercare di tenere insieme i cocci di una disastrata maggioranza. Eppure questo emendamento, sempre secondo Il Messaggero, Matteo Salvini e la Lega sarebbero pronti a votarlo. E questo per due ragioni: la prima, di coerenza, ovvero l'emendamento corrisponde a ciò che il Carroccio farebbe in questa situazione. La seconda, di strategia politica: con questo voto, Salvini farebbe saltare la maggioranza e aprirebbe la strada a una clamorosa e anticipata crisi di governo.

Nonostante le avvisaglie, il leader di Italia Viva è andato dritto per la propria strada, presentando sul tavolo della commissione Finanze della Camera un doppio emendamento. Il primo valido per il caso di specie dello stabilimento di Taranto, il secondo più generale, valido per tutte quelle imprese impegnate nell'ambito del processo produttivo in un'opera di bonifica ambientale. Ma la richiesta di Iv non finisce qui e contiene misure correttive che riguardano l'articolo 4 (per evitare ulteriore burocrazia alle imprese), il 39 (sui reati tributari), l'accelerazione dei fabbisogni standard per i comuni, il sostegno al settore agricolo, le semplificazioni fiscali, il blocco delle aliquote locali. Per un totale di 58 proposte. Non è stato da meno il Pd che ha esibito ben 200 emendamenti, scremati poi a circa 140. Insomma, i Cinque Stelle avranno una bella questione da dover affrontare.

Nel video (Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev) Luigi Di Maio parla della crisi dell'Ex Ilva

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • zagor1970

    16 Novembre 2019 - 21:48

    renzi non farà mai cadere il governo non l'avete ancora capito . Stanno troppo bene e poi lui è li a rappresentare il bilderberg che come tutti i poteri forti non vogliono la lega al governo o chiunque tuteli il popolo italiano alla deriva 20anni di euro hanno fatto danni come una guerra

    Report

    Rispondi

  • barbablu69

    barbablu69

    11 Novembre 2019 - 18:22

    per spaccare il governo il cdx dovrebbe presentare unito un proprio emendamento di ripristino dello scudo come previsto dagli accordi iniziali... si stanerebbero così le vere intenzioni di alcuni del csx: se non lo votano si mettono contro il popolo se lo votano crolla la maggiornanza...

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    11 Novembre 2019 - 17:21

    Le uniche parole sincere del Premier Pavone da un anno e mezzo sono quelle con cui ha praticamente riconosciuto a Taranto, subissato dai fischi degli operai, di non essere all'altezza della situazione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

ultime news