Cerca

Il ministro nel mirino

Ilva, il retroscena su Stefano Patuanelli: quando disse al Cdm che ArcelorMittal non avrebbe lasciato

5 Novembre 2019

1

Il ministro Stefano Patuanelli che ha il dossier Ilva in mano, dice che l'azienda sta usando quello dello scudo penale come "una foglia di fico". Ma ora lo stesso Patuanelli è finito nel mirino del Pd e non solo: su di lui sospetti e accuse incrociate. Due settimane fa, rivela Il Corriere della Sera in un retroscena, durante il Consiglio dei ministri Patuanelli aveva tranquillizzato i colleghi: "ArcelorMittal non lascerà Ilva se salta lo scudo penale, ho avuto rassicurazioni da loro, non ci saranno conseguenze...". Ha peccato di sottovalutazione oppure sta facendo il doppio gioco?

Leggi anche: Salvini, Ilva come migranti: "Governo venduto, forse...". Il sospetto: favore osceno?

Il sospetto ce l'ha anche Maurizio Gasparri che ospite di Serena Bortone ad Agorà su Rai tre, ha detto: "Patuanelli avrebbe dichiarato che ArcelorMittal non avrebbe lasciato e che aveva avuto rassicurazioni. L'Ilva aveva dichiarato di aver cambiato l'amministratore e questo era un chiaro messaggio. Questo problema dello scudo era discusso da tempo". 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Carlo.ms

    05 Novembre 2019 - 15:30

    Pattuanelli la finisca di dire che Mittal ricatta il governo.....è un privato ed è giusto faccia i propri interessi.....come si permette questo ministro o il governo arrogante....nessun ricatto i 5 stelle hanno levato le regole e ovvio uno se ne va .......andatevene voi dalla Italia 5 stelle siete la rovina

    Report

    Rispondi

ultime news