Cerca

Il ribaltone

Alan Kurdi a Taranto, cosa diceva Salvini ministro a luglio: "Dove li mandiamo", la differenza con Pd-M5s

3 Novembre 2019

0

Come cambiano le cose in pochi mesi. Domenica mattina a Taranto la Alan Kurdi, nave della ong tedesca Sea Eye, è sbarcata a Taranto con 88 migranti a bordo, senza clamori. D'altronde, il governo di Pd, M5s e Renzi ha dato ufficialmente il via libera alla nuova ondata di sbarchi, non ostacolando più l'attività delle ong (anche quando alimentano più di un sospetto) e di fatto riaprendo i porti dopo 14 mesi di linea dura. I decreti sicurezza varati da Matteo Salvini sono ancora in vigore, ma disattesi da tutti i ministri competenti, a partire da quella dell'Interno Luciana Lamorgese.

Leggi anche: "Viminale Ministero dell'invasione". Il deputato della Lega accoglie così la Alan Kurdi a Taranto



Appena lo scorso luglio, prima della crisi, al Viminale c'era Salvini. E quando la Alan Kurdi chiese di sbarcare a Lampedusa, il leader della Lega rispondeva così: "Io non autorizzo niente, piuttosto li portiamo in autobus dentro l'ambasciata tedesca, non siamo una discarica". Sondaggi alla mano, la maggioranza degli italiani la pensano ancora così. Il fatto curioso è che al governo non li ascolta più nessuno.

Video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news