Cerca

Confusione

Taglio dei parlamentari, Roberto Giachetti: "Oggi voto sì, ma da domani mi batterò per cancellare la legge"

8 Ottobre 2019

1

La confusione regna sovrana dentro al Pd. Da sempre. E quanto detto in aula da Roberto Giachetti a ridosso del voto sul taglio ai parlamentari, voluto dal M5s e appoggiato dal Pd stesso pur di tornare al governo, lo dimostra in modo plastico. Quasi comico. Già, perché Giachetti prende parola per dire che lui voterà sì alla sforbiciata, salvo poi battersi con tutte le forze per cancellarla. Per la precisione, il democratico ha detto: "Io lo voterò, ma non lo faccio convintamente. Lo voto perché sta dentro un accordo di programma, quello di questo governo. Oggi voterò sì ma non è finita qui per quel che mi riguarda - assicura in Parlamento -. Finisce il mio dovere di lealtà al governo su questo tema. Un secondo dopo il mio voto su questa riforma, mi adopererò affinché assieme alla mia firma vi sia il numero necessario tra Camera e Senato per ottenere lo svolgimento del referendum. Se ci fossero le firme necessarie costituirò un comitato per il no a questa riforma". Idee chiare, insomma, e parecchio confuse.

Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • principino1

    09 Ottobre 2019 - 11:11

    Se come ha detto La Russa Icardi è un grande attaccante col pisello confuso e Lukaku un attaccante confuso col pisello grande cos'é Giachetti ?

    Report

    Rispondi

ultime news