Cerca

Puntini

Matteo Salvini replica a Silvio Berlusconi: "Chi difende l'Italia non è un fascista"

30 Settembre 2019

3

Nel corso di un comizio a Milano, Silvio Berlusconi, rivendicando la centralità sua e di Forza Italia nel centrodestra, ha affermato di aver "normalizzato" i fascisti. Insomma, ha rivendicato il merito di aver portato al governo "fascisti e Lega", quella di Umberto Bossi. Parole stigmatizzate da Fratelli d'Italia: "Che tristezza". Ma parole stigmatizzate, indirettamente, anche da Matteo Salvini, che domenica 29 settembre è intervenuto al Villaggio Coldiretti a Bologna. "Ho sentito pure parlare di fascisti. Qua non ci sono fascisti - ha sottolineato il leader della Lega -. Ci sono italiani orgogliosi di essere italiani che vorrebbero mangiare italiano. Non è che se uno difende l'Italia è fascista", ha rimarcato Salvini. A quel punto è intervenuto Paolo Del Debbio, che moderava il dibattito: "La accusano bene da sinistra...". E Salvini: "Lo so, infatti ho augurato buon compleanno, visto che oggi qualcuno compie gli anni". Il riferimento? Ambivalente: sia Berlusconi sia Pier Luigi Bersani compiono gli anni il 29 settembre.

Video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • edoardo45

    30 Settembre 2019 - 18:16

    C'è da rimanere senza parole nel sentire Salvini ergersi a difensore dell'Italia(intesa dalle Alpi a Lampedusa), lui che per i quattro quinti della sua vita politica ha considerato " stato e popolo estero" il territorio a sud del Po e le relative genti,

    Report

    Rispondi

  • angryant5

    30 Settembre 2019 - 15:00

    ancora !!!! mollasse una buona volta berlusconiiiiiiii

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    30 Settembre 2019 - 10:29

    Anche Benito difendeva l'Italia ed anch'egli voleva mangiare italiano ed ha instaurato l'autarchia. Ma sostenere che l'MSI non fosse il refugium peccatorum dei fascisti sarebbe un controsenso. Idem dicesi per la Lega, Bossi e combriccola, che erano considerati buzzurri piantagrane ed inaffidabili, che solamente grazie a Berlusconi si sono, seppur faticosamente evoluti. Ma c'è ancora molto da fare

    Report

    Rispondi

ultime news