Cerca

Nuovi assetti

Giorgia Meloni contro Silvio Berlusconi: "La promessa tradita sul Pse", Forza Italia fuori dai giochi?

14 Giugno 2019

9

Altre cannonate di Giorgia Meloni contro il governo di Lega e M5s, che "sarebbe già dovuto essere arrivato al capolinea, tutti i nodi ormai sono venuti al pettine, anche se stanno cercando in qualche modo un'intesa che li faccia tirare avanti ancora un po'". Così la leader di Fratelli d'Italia in un'intervista al Corriere della Sera, dove si dice certa del destino ormai segnato di questo esecutivo: "È un'alleanza alla quale mancano due collanti indispensabili. Il primo è programmatico, il secondo di rapporti. Non è una competizione, è una continua guerra interna". Dunque, viene chiesto alla Meloni quando si voterà e se lo ha chiesto a Salvini. "Non posso dire quanto durerà ancora e non lo chiedo a Salvini, ma una cosa è certo. Alle Europee abbiamo dimostrato con i nostri voti che, assieme alla Lega, siamo in grado di dare un governo stabile con una linea chiara e condivisa, al Paese. E che gli italiani ci stanno chiedendo di farlo". L'appello della leader di FdI al ministro dell'Interno, ancora una volta, è chiaro: far saltare il banco, votare e provare a raccogliere i numeri per governare insieme.

Nel video (Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev) la Meloni commenta l'ipotesi di un governo Pd-M5s

E Silvio Berlusconi? Già, di Forza Italia, la Meloni, non ne parla. Una federazione è possibile? "Penso che prima di parlare degli assetti della coalizione, Forza Italia debba chiarire la sua collocazione - risponde -. Non faccio il buttafuori o il buttadentro dell'alleanza, ma chiedo chiarezza. Sto andando a Napoli dove incontrerò gli altri leader del mio gruppo in Europa, i Conservatori europei. Dall'altra parte vedo che il Ppe ipotizza di stare in una santa alleanza che va dai verdi al Psa a Macrom. Ma come - sfida la Meloni -, Berlusconi non aveva detto che non avrebbe fatto patti col Pse? Allora esca dal Ppe. Allo stesso tempo serve una parola ferma in chiave interna: io e Salvini abbiamo detto che, se cade il governo, c'è solo il voto. Berlusconi non mi sembra abbia escluso anche altre ipotesi". Buone ragioni, per la leader di Fratelli d'Italia, per ribadire il suo "no" al Cavaliere e agli azzurri, almeno fino a quando non faranno chiarezza.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • barry

    14 Giugno 2019 - 18:06

    Berlusconi può dire ciò che vuole, ma che lui si dissoci sal pse è una barzelletta! Non dimentichiamoci mai che lui, che si dichiara tanto liberale, non proviene dal vecchio PLI, ma dal PSI cioè partito socialista Italiano. Che differenza c'è rispetto al partito socialista europeo?

    Report

    Rispondi

  • Vigar

    14 Giugno 2019 - 16:04

    Brava Giorgia. A Berlusconi ho creduto anche oltre i limiti della decenza....ma ora basta. Ha deluso senza ragione quanti speravano in lui per cambiare veramente l'Italia. Si ritiri e taccia per sempre!

    Report

    Rispondi

  • Giuseppekrede

    14 Giugno 2019 - 14:02

    mi dispiace dirlo ma purtroppo a Belrlusconi i giudici, e i pm gli hanno annacquato il cervello ,Lui combatte tra il voler fare e il dover difendersi dagli attacchi giuridici. In Berlusconi si rispecchia la dittatura dei Giudici Criminali politicizzati che sopprimono un popolo vittima della dittatura socialcomunista.Povera Patria

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

ultime news