Cerca

Numeri alla mano

Luigi Di Maio, i sondaggi segreti sulla scrivania del M5s: "La soglia di sicurezza" per evitare la crisi

21 Maggio 2019

0

I sondaggi sono banditi, ma Matteo Salvini e Luigi Di Maio li hanno ben presenti sulle loro scrivanie. E stando a quanto dichiarato ultimamente dal leader della Lega, si potrebbe parlare di "allarme rosso" per il Capitano.



 

Considerazione generale: l'obiettivo della Lega è superare il 30%, quello del Movimento 5 Stelle il 20 per cento. Se Salvini ci riuscirà, allora sarà possibile ipotizzare caduta del governo, voto anticipato e, magari, un'alleanza elettorale in cartello con Fratelli d'Italia soprattutto in caso di exploit elettorale di Giorgia Meloni. Viceversa, se i grillini faranno flop allora si aprirà la doppia crisi, quella del leader Di Maio e del premier Giuseppe Conte, sostenuto ormai principalmente dai 5 Stelle. 

Secondo il Giornale, però, tirerebbe una brutta aria in via Bellerio. La prova? La strana prudenza di Salvini. "Se l'anno scorso ho preso il 17%, ora, a queste elezioni tutto quello che c'è sopra è già un successo, dal 18, al 19... Ma andremo oltre e posso solo ringraziare gli italiani", ha spiegato a Quarta repubblica su Rete 4. E alla domanda se sotto il 30% sarebbe un insuccesso, ha risposto secco: "No". Segno che lo scenario è contemplato ai piani alti della Lega, anche considerato il fatto che gli ultimi sondaggi ufficiali pubblicati prima dell'embargo davano un vantaggio sul Movimento in costante diminuzione.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news