Cerca

Parla il ministro

Giulia Bongiorno: "Lega alla conquista di Roma. Io sindaco? No, voglio fare il ministro e l'avvocato"

26 Ottobre 2018

2

"Non mi candido a sindaco di Roma", premette Giulia Bongiorno ad Agorà, su Raitre, "primo perché sono ministro e in futuro perché tornerò a fare l'avvocato". Certo, "da Virginia Raggi ci si aspetta forse uno scatto ma non le ascrivo tutti i drammi di Roma". Alla prima cittadina della Capitale, la ministra della Pubblica amministrazione concede "due attenuanti. La prima è che si deve occupare di una realtà estremamente vasta; la seconda che eredita una situazione complicata. Ma so per esperienza da penalista che l’illecito prolifera dove non c’è la presenza dello Stato. Prendo a prestito le parole di Matteo Salvini: dalla Raggi mi aspettavo di più".

Ma la Lega può espandersi e conquistare Roma: "Io sono palermitana, se in passato mi avessero proposto una partecipazione alla Lega Nord avrei risposto di no", spiega la Bongiorno in una intervista a La Stampa. "A queste elezioni mi sono candidata invece con la nuova Lega: condivido pienamente la necessità di regole, rigore e legalità. Questo tipo di Lega può piacere al Sud come al centro Italia, a persone che non vogliono più sentir parlare solo di diritti, ma anche di doveri". Ergo Salvini può raccogliere un consenso trasversale perché "ormai lo schema non è più destra o sinistra, ma chi crede nella necessità delle regole e della legalità, e chi no".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 144557

    26 Ottobre 2018 - 12:12

    Basta coi 5 stalle, che stanno rovinando l'Italia e le sfortunate città che stanno amministrando. In galera Grillo e Casaleggio.

    Report

    Rispondi

  • batpas

    26 Ottobre 2018 - 11:11

    Forse, ma dico forse al 101%, solo Giorgia Meloni potrebbe fare non piu' del 30% di quanto si dovrebbe fare per Roma. per credere, vedere i personaggini inetti come quelli già visti o in corso .

    Report

    Rispondi

ultime news