Cerca

Problema in Vaticano

Papa Ratzinger, l'arcivescovo Marchetto: "Va demitizzato, è un vescovo come tanti. Ora decide Papa Francesco"

14 Gennaio 2020

7

Il Papa Emerito "va demitizzato". A picconare Papa Ratzinger non è un commentatore "esterno" al Vaticano, ma uno più prestigiosi esponenti della Curia romana, l'arcivescovo vicentino Agostino Marchetto. Intervistato da Repubblica, il segretario dei Migranti e Itineranti molto apprezzato da Papa Francesco spiega: "Benedetto XVI è un vescovo come tanti altri e il teologo che conosciamo e fu Papa dal 2005 al 2013. Se la Curia romana e la Chiesa imparano a guardarlo così, tante polemiche dopo ogni sua uscita non ci sarebbero". 

Il riferimento è alla frase sul celibato dei preti ("Dico no ai preti sposati, non posso tacere") poi smentita dall'entourage di Benedetto XVI, in grado però di creare un nuovo terremoto nella Santa Sede. "È un vescovo che durante un certo tempo ha esercitato il primato pontificio, ma che poi ha rinunciato e dunque ha lasciato questo ministero speciale che è proprio del vescovo di Roma - minimizza monsignor Marchetto -. Le sue parole sono importanti, ma vanno lette come il suo parere su un tema sul quale poi Francesco si esprimerà come crede prendendo anche, se necessario, delle decisioni". Resta il problema della coabitazione tra il Pontefice e l'Emerito. "Credo che il diritto canonico, con la sua specificità e chiarezza, potrà aiutare in avvenire a delineare ed accettare questa libertà".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cantagallo

    15 Gennaio 2020 - 10:22

    Questo vescovo va demitizzato, parala come Satana.

    Report

    Rispondi

  • Artaserse

    14 Gennaio 2020 - 22:20

    Marchetto.......un cognome, una garanzia!

    Report

    Rispondi

  • ptmascia

    14 Gennaio 2020 - 17:23

    ma questo è un vescovo come siamo caduti in basso;critica un Papa vero,preparato,in favore di un Bergoglio che sicuramente manca delle basi culturali per il ruolo che svolge.Amico dei peronisti non ha il coraggio di tornare in Argentina perchè ha paura di essere contestato per i suoi trascorsi con la giunta militare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

ultime news