Cerca

beffa

Klaus Davi rinviato a giudizio dopo aver difeso un anziano a cui avevano occupato la casa

15 Settembre 2019

0

'Reo' di aver aiutato un anziano ottantenne pensionato la cui casa e stata per tre anni espropriata da un clan, Klaus Davi è stato rinviato a giudizio per 'violazione di domicilio' e 'cambio di identità'. Nel giorno in cui filtra la notizia della scarcerazione del super boss del Pesce Franco Muto si diffonde anche quella del massmediologo che suscita non pochi interrogativi su come funzioni la giustizia italiana. Marcello Arcudi, legittimo proprietario dell'abitazione, era stato espropriato due anni fa della sua abitazione dalla famiglia Roda' , un temutissimo brand della mafia calabrese. Era andato qualche giorno in vacanza a Praga e,tornando, l 'aveva trovata occupata. Esasperato dalle lentezze della giustizia, aveva chiamato Klaus Davi chiedendo di segnalare la cosa all'opinione pubblica. Nel luglio scorso Davi con un operatore, due inviati della TV nazionale  francese M6 e due agenti della digos si era introdotto nella casa qualificandosi come 'operaio dell'Enel'. Una volta dentro, aveva chiesto agli occupanti di restituirla al povero ottantenne . Il servizio è ancora visibile on line. https://www.youtube.com/watch v=8PuCyi6iA4Q&t=1s  Ma il rischioso servizio puo costare caro al massmediologo visto che il tribunale di Reggio Calabria lo ha rinviato a giudizio per 'essersi introdotto con l'inganno  contro la volontà nell'abitazione di Giuseppina Roda.'. Colpisce che  nel fascicolo della procura la signora Giuseppina Roda venga indicata come 'proprietaria ' dell'alloggio quando solo poche settimana dopo è stata condannata dallo stesso Tribunale di Reggio Calabria  a lasciare l'abitazione occupata da lei e dai membri dell'omonima temuta  famiglia. Non ha influito sulla decisione del Tribunale che l'alloggio sia a tutti gli effetti appartenente a Marcello Arcudi e che i Roda' lo abbiano sequestrato  e distrutto dopo due anni di occupazione abusiva. A ciò va aggiunto che il quartiere  Archi è stato definito dal pm Giuseppe Gennari 'il pezzo di terra a piu alta dendita mafiosa nel mondo'. E i magistrato reggini sono talmente convinti della pericolosita della zona, popolata da killer e narcotrafficanti,  da aver intitolato proprio allo stesso quartiere una delle loro operazioni piu importanti.La vicenda del pensionato espropriato della propria casa aveva fatto scalpore e solo qualche mese fa, grazie ai reportages di Klaus Davi, Arcudi e la moglie sono potuti tornare in possesso della propria abitazione. La prima udienza avra luogo a novembre.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news