Cerca

Legittima difesa

Matteo Salvini e il ladro ucciso dal tabaccaio a Ivrea: "Se avesse fatto il muratore, sarebbe ancora qui"

7 Giugno 2019

2

"Ha tutta la mia solidarietà". Matteo Salvini non ha dubbi: il ministro degli Interni sta con il tabaccaio che ha sparato a tre banditi che hanno provato a fare irruzione nel suo negozio a Pavone Canavese, alle porte di Ivrea. E sul ladro rimasto ucciso nella sparatoria, da palco di un comizio elettorale a Romano di Lombardia il leader della Lega regala agli spettatori una verità incontestabile: "Se avesse fatto il muratore sarebbe ancora su questa terra". 



Il titolare, che vive sopra alla tabaccheria, alle 3 di notte si è reso conto del colpo e ha aperto il fuoco contro i ladri, uccidendone uno e facendo scappare gli altri due complici. Il tabaccaio ora è indagato per eccesso di legittima difesa ma i magistrati stanno valutando se ci sono i presupposti per applicare la nuova legge fortemente voluta dallo stesso Salvini.

Video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rendagio

    08 Giugno 2019 - 07:07

    ha sbagliato,doveva stenderli tutti e 3,, almeno 3 criminali in meno anche se saranno rimpianti dai compagni come Boldrini, Bonino e fico, aspettiamo la fiaccolata dei centri sociali

    Report

    Rispondi

  • tiirak

    08 Giugno 2019 - 02:02

    Meglio sparare a raffica !

    Report

    Rispondi

ultime news