Cerca

Ops

Napoli, il re di Spagna accolto con l'inno franchista: Sergio Mattarella vorrebbe sotterrarsi

8 Maggio 2019

6

Al teatro San Carlo di Napoli è scoppiato l'incidente diplomatico tra Spagna e Italia, dopo che l'orchestra ha accolto il re spagnolo, Felipe VI, con l'inno nazionale sbagliato. I musicisti hanno eseguito l'inno spagnolo dell'epoca franchista, abolito ormai dal 1978, costringendo il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a scusarsi immediatamente, con enorme imbarazzo.

A poco sono bastate anche le scuse del sovrintendente del san Carlo, oltre che del capo dello Stato. E ben peggio hanno potuto fare gli orchestrali quando hanno provato a giustificarsi. La scelta dell'inno franchista sarebbe stata fatta all'ultimo momento, su internet e senza opportune verifiche.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FraBru

    08 Maggio 2019 - 15:03

    Beh, se oggi Pippo sei è re, lo deve anche ai franchisti e ai fascisti, perché se allora i demokratici rosso-stalin avessero acchiappato suo nonno Giovanni di Borbone, padre di Juan Carlos( nato in esilio a Roma nel 1938, mo ve', era un profugo!), gli avrebbero fatto la festa e... il resto immaginatelo.

    Report

    Rispondi

  • A.MORRENI

    A.MORRENI

    08 Maggio 2019 - 15:03

    e che sarà mai ...

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    08 Maggio 2019 - 14:02

    Roba da Striscia la Notizia: "Figura di merda... Storica"

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

ultime news