Cerca

Il disastro

Giuseppe Conte, al vertice di Salisbrugo l'umiliazione per l'Italia: ignorate tutte le richieste

20 Settembre 2018

0

Il premier Giuseppe Conte era arrivato al vertice europeo di Salisburgo con tutte le intenzioni di farsi sentire dagli altri partner europei sulla condivisione dei migranti. È arrivato con atteggiamento "non pessimista", attento a chiarire che non è arrivato per fare propaganda in chiave elettorale, che il tema dell'immigrazione è serio e va affrontato tutti insieme. Peccato però che nessuno lo abbia degnato di una risposta. Lo stesso Matteo Salvini ha dovuto ammettere amaro: "di aspettarsi poco" dal vertice, anche se poi Conte "sarà più bravo, più fortunato, più efficace". 

Leggi anche: Immigrazione, chi sono i due italiani che aiutano gli scafisti a Malta

Il vertice austriaco è un incontro informale, non saranno prese decisioni, ma almeno impegni di massima. L'Italia però sembra destinata a non incassare neanche quelli a proprio favore, come riporta il Giornale. Anzi fonti diplomatiche assicurano che le richieste italiane non trovano sponde: dalla revisione del regolamento di Dublino, alle regole di Sophia, oltre alle speranze che gli altri Paesi europei si facciano carico di una quota proporzionata di richiedenti asilo e investimenti per il Nord Africa. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news