Cerca

Da cosa nasce la rivolta

Mes, il ministro Gualtieri smentisce Conte: "Il governo lo approverà, testo non modificabile dal Parlamento"

27 Novembre 2019

5

Dalla Commissione Finanze del Senato, Roberto Gualtieri svela la verità sul Mes e inguaia in maniera clamorosa Giuseppe Conte e il governo. Il ministro Pd dell'Economia, con incredibile candore, illustra la bozza di riforma del trattato istitutivo del Meccanismo europeo di stabilità, il cosiddetto Fondo Salva-Stati: il testo verrà approvato dal governo italiano a febbraio e sarà sostanzialmente "inemendabile" dal Parlamento di Roma, che potrà solo votare sì al pacchetto completo oppure (caso improbabile, viste le premesse di oggi) respingerlo assumendosene però la responsabilità anche a livello europeo. E si sa quanto pesi questo fattore.  

Leggi anche: "Conte, hai dato i soldi degli italiani per salvarti la poltrona". Mes, Meloni atomica

Anche perché a giudicare da quanto detto da Gualtieri, il governo farà di tutto per blindarlo e per non cadere su questo tema. Lo stesso Luigi Di Maio, che nei giorni scorsi aveva assicurato come l'M5s non accetterà sacrifici per gli italiani, ha spiegato molto imbarazzato che si troverà la quadra tra Conte e Gualtieri. È proprio il premier a uscire da questa storia con le ossa rotte, visto che incalzato da Lega e FdI fino a pochi giorni fa giurava come non ci fosse alcun trattato già firmato dall'Italia. Tecnicamente può anche essere vero. Politicamente, è falso. A giudicare dalle sicurezze di Gualtieri davanti ai senatori, Conte ha dato la sua parola ai vertici europei, e forse lo ha fatto proprio dallo scorso giugno, quando si è intavolata la trattativa-non trattativa. 

Davanti alla Commissione, Gualtieri ha respinto i sospetti che la riforma del trattato possa introdurre un criterio di sostenibilità del debito per la concessione dei fondi: "Chi dice o chi scrive che con la riforma del Mes si introduce una ristrutturazione automatica del debito dice una cosa falsa". Insomma, la riforma del Mes "non cambia nulla di sostanziale". Ma l'Italia verserà a un fondo a cui quasi sicuramente non ricorrerà mai 125,40 miliardi di euro, non pochi. 

Video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Vittori0

    28 Novembre 2019 - 08:45

    .quello che meraviglia E' che il POPOLO ITALIANO non ha Il DIFENSORE MASSIMO nel PdR !!!!

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    28 Novembre 2019 - 08:41

    ..i possessori di Titoli di Stato siete pronti a pagare il CONTO "BELLA CIAO "?...che saranno dimezzati come in Grecia ?...compreso il POPOLO delle SARDINE..che saranno IMPOVERITI ??..allora potranno cantare PIANGENDO ed ELEMOSINANDO BELLA CIAO...il nemico non E' SALVINI ma la UE....!! Incapaci di CAPIRE...!!

    Report

    Rispondi

  • swiller

    27 Novembre 2019 - 22:46

    Anche per Gualtieri alto tradimento questi non rappresentano il popolo sono traditori.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

ultime news