Cerca

Il sacro palazzo

Sergio Mattarella furibondo dopo il no di Luigi Di Maio e Matteo Salvini: indiscreto al Quirinale

8 Maggio 2018

13

Un secco no alla proposta di Sergio Mattarella di un "governo neutrale". Né il M5s né la Lega offrono il minimo spiraglio: si fa dunque molto più concreta l'ipotesi del voto a luglio, quello che il capo dello Stato ha vivamente sconsigliato. E non a caso, fonti dal Quirinale, danno conto di un Mattarella semplicemente furibondo, per quanto si aspettasse simili risposte da Matteo Salvini e Luigi Di Maio sulla sua idea di governo. Risposte "prevedibili": così le ha definite il capo dello Stato dopo averle lette sulle agenzie di stampa. Ma dietro alle parole e al volto pallido e teso, il presidente era furibondo. Lo spauracchio del voto a luglio è assai concreto, e Mattarella teme una "campagna elettorale spregiudicata" e brevissima, come scrive Marzio Breda sul Corriere della Sera. Altra circostanza che acuisce il suo malumore.

Video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • levantino

    08 Maggio 2018 - 17:05

    Dice Martina,fra le altre cose: "......il Paese non merita tutto questo. Il paese merita questo e di più. E' stato scelto chi non gli andava bene.

    Report

    Rispondi

  • swiller

    08 Maggio 2018 - 14:02

    il governo superpartes autonomo questo signore pensa che gli italiani siano fessi.

    Report

    Rispondi

  • swiller

    08 Maggio 2018 - 10:10

    Governo superpartes la nuova barzelletta di Mattarella alé ci sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

ultime news