Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

La telefonata

Berlusconi a Belpietro: vinceremo come nel '94

Silvio Berlusconi torna a parlare in televisione. Questa volta lo fa a "La Telefonata" di Maurizio Belpietro in onda su Canale 5. "IO sonoi l capo della coalizione, è il presidente della Repubblica che sceglie il premier, io preferirei fare il ministro dello Sviluppo. C'è una concreta possibilità di cambiare la Costituzione e ridurre il costo dello Stato", afferma il Cavaliere. "Se riducessimo i costi del 10% risparmieremmo 80 miliardi per ridurre la pressione fiscale".


A proposito dei possibili candidati "impresentabili" (da Dell'Utri a Cosentino), l'ex premier precisa che "probabilmente non ci saranno i nomi di cui si parla". Per quanto riguarda gli indagati "non è stata presa alcuna decisione", "noi abbiamo deciso di presentare liste senza critiche", afferma il Cavaliere, "chi ha avuto una condanna definitiva non sarà in lista", mentre "per chi è sotto indagine abbiamo deciso che ogni singolo caso da una commissione". "Non siamo giustizialisti", conclude l’ex premier.  Silvio Berlusconi interviene anche sulla sua partecipazione alla trasmissione di Santoro: "La sinistra ha cominciato a preoccuparsi dopo il mio intervento. Lo svantaggio si è ridotto di qualche punto", dice il Cavaliere. "Abbiamo la speranza di vincere in tutto il Paese, non vediamo una difficoltà a prevalere sulla sinistra e sui suoi alleati", rilancia l’ex premier. La sinistra? "Un carico di invidia e di tasse. Dal 1994 io sono l’unico baluardo contro la sinistra", afferma l’ex premier


"Per noi la casa è sacra. Nel 2008 abrogammo l’Ici, ora faremo la stessa cosa sull'Imu. Il disegno di legge contro l’Imu è pronto e prevede che i comuni riceveranno i 4 milardi da un fondo del ministero del Tesoro. La copertuta sarà contenuta su alcuni aggravi su beni che non sono di primaria necessità", sottolinea il Cavaliere. "Speravamo che Monti fosse il nuovo e invece si è alleato con il vecchio, con Casini e Fini". L’ex premier critica i leader Udc e Fli che, a suo dire, vogliono allearsi con la sinistra "per avere qualche posto di strapuntino". Perchè gli italiani voteranno Silvio Berlusconi? "Perchè - risponde il Cavaliere ad una domanda di Belpietro - ho sempre mantenuto gli impegni presi". L’ex premier ha ribadito i punti del suo programma, compresa l’abrogazione dell’Imu e si è impegnato a dare un posto sicuro di lavoro ai 3 milioni di disoccupati. "La sinistra - ha fatto notare - ha già in mente di mettere una patrimoniale. Lo abbiamo fatto l’altra volta e questo è quello che si deve fare. Solo io sono quello che riesce a unire le forze del Nord e del Sud, perchè il Pdl è l’unico che può unificare i moderati".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400