Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

De' Manzoni

Più trasparenza sui partiti? No, meno soldi

Nelle ultime settimane sui giornali si trova un gran numero di dichiarazioni da parte di cialtroni che rivendicano la propria innocenza o, in alternativa, quelle di politici anche in buona fede che promettono più trasparenza in futuro sui soldi dati ai partiti. Ma il problema non è questo. Il guaio è che i partiti già prendono cosiddetti rimborsi elettorali aggirando furbescamente il voto di un referendum popolare. Quei soldi dovrebbero farseli bastare. E invece no. Anche i singoli gruppi consiliari incassano soldi sotto forma di rimborsi, che dovrebbero utilizzare non per cravatte e ostriche ma per rendere pubblica la loro attività. Farsi pubblicità, in sostanza. Ma siamo proprio sicuri che agli italiani interessa l'autocelebrazione dei propri consiglieri comunali, provinciali o regionali? Forse non preferirebbero avere più soldi per i trasporti pubblici o per mense decenti a scuola per i loro figli? Il problema, allora, non è controllare la gestione dei soldi ai partiti. Ma, semplicemente, abolire quei fondi. Il videoeditorale del vicedirettore di Libero Massimo de' Manzoni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400