Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

Ahia

Il dramma olimpico del giapponese: fuori dalla finale del salto con l'asta per colpa del suo pene

Per qualcuno l'atletica leggera è come il sesso: questione di centimetri. Sicuramente la penserà così il povero Hiroki Ogita, giapponese del salto con l'asta che ha visto le sue speranze di medaglia alle Olimpiadi di Rio (o quantomeno di qualificazione alla finale) infrangersi molto dolorosamente. A fregarlo le dimensioni, non propriamente irrisorie, del suo pene: Ogita salta la misura di 5,3 metri nel gruppo A del primo turno, il suo corpo sfiora la sbarra che però s'imbatte nel membro e cade. La faccia dell'atleta, colto nell'attimo del fallimento, è emblematica: più dolore o delusione?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kufu

    17 Agosto 2016 - 15:03

    Sessuofobi da quattrosoldi

    Report

    Rispondi

  • vival

    17 Agosto 2016 - 15:03

    pensavo che avreste toccato il fondo con l'articolo sulla Lopez. Mi sbagliavo.

    Report

    Rispondi

  • quidam60

    17 Agosto 2016 - 12:12

    Ma ne dite di CAZZATE.

    Report

    Rispondi

  • metamenti

    16 Agosto 2016 - 23:11

    ma perchè vi divertite tanto a farvi sfottere?? Direttore, occhi aperti! Stiamo arrivando a livelli veramente imbarazzanti. Antonio Mirabile

    Report

    Rispondi