Cerca

News da Radio 105

ascolta ora

Radio 105

La rapina

Immagini forti: calci e pugni al tabaccaio. Lo lasciano in bagno di sangue

Due georgiani di 26 e 31 anni sono stati fermati dagli agenti del commissariato  Dora Vanchiglia perché ritenuti responsabili di una rapina avvenuta lo scorso 17 dicembre in una tabaccheria alla periferia nord del capoluogo piemontese quando il titolare dell’esercizio, un cittadino cinese ultra 60enne, poco dopo apertura era stato violentemente aggredito da due uomini. Un primo uomo era entrato nell'esercizio colpendo violentemente l’uomo con calci e pugni e il tentativo di reazione della vittima veniva soffocato dall'intervento del complice che  dopo aver abbassato la serranda della tabaccheria, si accaniva anch’egli sul sessantenne
che nell'aggressione ha riportato gravi lesioni al volto. Prima di allontanarsi i due si impossessavano  di 4500 euro in contanti e di
Gratta e vinci per un valore  di 6000 euro. L’intera sequenza è stata registrata dalle telecamere della tabaccheria. Le immagini hanno consentito di acquisire  elementi sulle fattezze fisiche dei rapinatori mentre gli accertamenti sui’Gratta e vincì rubati hanno permesso agli agenti di risalire dove i due avevano riscosso le vincite. Successivi controlli hanno permesso di individuare il domicilio dei due che sono stati fermati. Gli accertamenti proseguono poiché gli inquirenti non escludono che i due possano essere autori di altre rapine commesse con analoghe modalità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    12 Gennaio 2016 - 16:04

    Ahi ahi , chi tocca i cinesi è un uomo morto , non lo sanno i due georgiani?

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    12 Gennaio 2016 - 10:10

    Non andranno in galera per la legge "svuota carceri"; altrimenti l'Europa ci multa per le prigioni troppo piene e poi i detenuti fanno causa allo Stato. Che m...da di paese!

    Report

    Rispondi

  • Royfree

    12 Gennaio 2016 - 02:02

    Mille di questi animali non valgono una piccola malefatta ad un Italiano. In questo caso, visto che in Italia non li possiamo ammazzare come scarafaggi, carcere a vita. Che possano patire l'inferno in terra.

    Report

    Rispondi

  • mab

    11 Gennaio 2016 - 20:08

    Altra spazzatura d'importazione, collocata in centri di accoglienza........ W L'ITALIA

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti