Cerca

In Slovenia vince le elezioni il partito anti-migranti di Jansa

Ma senza maggioranza, il leader partito democratico cerca alleati

4 Giugno 2018

0

Lubiana, (askanews) - Il partito anti-migranti di Janez Jansa si è imposto come prima forza politica alle elezioni parlamentari che si sono tenute domenica in Slovenia, ma non è riuscito a conquistare la maggioranza necessaria per governare. La sera della vittoria, Jansa ha dichiarato:

"Questi sono tempi che richiedono collaborazione. La nostra porta per i colloqui e le coalizioni è aperta", ha sottolineato l'ex premier conservatore. "Siamo pronti ad avviare colloqui seri basati sul programma su cui abbiamo lavorato duramente", ha aggiunto, ribandendo che la sua posizione anti-migranti.

A spoglio quasi ultimato, il Partito democratico sloveno (Sds) di Jansa ha ottenuto poco meno del 25% dei voti, pari a 25 dei 90 seggi in parlamento; il partito "anti-establishment" dell'ex attore Marjan Sarec ha conquistato il 12,7%, pari a 13 seggi, ma il suo leader ha sottolineato.

"Siamo contenti del risultato delle elezioni legislative e sappiamo che dopo il voto non avremo un lavoro facile, sarà dura, in particolare formare il governo. Su questo punto, voglio congratularmi con il relativo vincitore. Ma saremo coerenti con le nostre promesse in campagna elettorale e non entreremo in coalizione con il partito democratico sloveno".

L'unico partito che si è detto finora disponibile a collaborare con l'ex premier, Nova Slovenija, ha ottenuto solo il 7,1% dei consensi, pari a sette seggi.

I Social Democratici di centrosinistra si sono piazzati al terzo posto con il 9,9% dei consensi, seguiti dal Partito del centro moderno del primo ministro uscente, Miro Cerar, con il 9,7%, mentre il partito Levica, di sinistra, ha conquistato il 9,3%. L'affluenza alle urne è stata del 52%.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news