Cerca

Società italiana medicina estetica promuove sigarette senza fumo

Bartoletti (Sime): "Meglio smettere, ma possono essere utili"

28 Maggio 2018

0

Milano, (askanews) - La scelta migliore che i fumatori possono

fare per tutelare la propria salute resta quella di smettere del

tutto con i derivati del tabacco, ma le nuove sigarette senza

fumo, quelle cioè che non prevedono combustione come le Iqos di

Philip Morris, possono essere uno strumento utile per contenere i

danni. È il giudizio del presidente della Società italiana di

medicina estetica, Emanuele Bartoletti, intervenuto a

"Bellifuoriedentro", tre giorni milanese dedicata a benessere,

bellezza, sana alimentazione e corretti stili di vita.

"Certo è meglio poco che niente, per cui riuscire a utilizzare

dei prodotti che possano apportare al fisico un danno

infinitamente inferiore rispetto a quello che può fare il fumo

tradizionale sicuramente è valido quindi se non si riesce proprio

a smettere anche una riduzione dell'inserimento di sostanze

nocive può essere utile".

Resta il fatto che, nonostante nonostante la diffusa

consapevolezza sulla dannosità del fumo, in Italia ci sono ancora

11 milioni di persone che non vogliono smettere di fumare. Per

convincerle, suggerisce allora Maddalena Di Mauro, responsabile

di "Bellifuoriedentro", serve un cambio di passo.

"Bisogna cambiare la leva della comunicazione, ormai dire 'il

fumo fa male' forse non funziona più. Bisogna adeguarsi un po' a

quello che le donne soprattutto, ma anche gli uomini, vogliono

sentirsi dire o almeno provarci. È un tentativo che va fatto. Che

fumo faccia male è risaputo, bisogna cercare delle leve giuste e

provarci".

Bisognerebbe, ad esempio, puntare sul mondo femminile e su

un'altra evidenza scientifica, cioè che tra i fumatori le donne

risentono dell'invecchiamento cutaneo precoce più degli uomini.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news