Cerca

Pubblicità Web: Sixth Continent lancia il Barter-Pay-per-Sale

Obiettivo 2018: 45 mln di fatturato per la piattaforma e-commerce

17 Aprile 2018

0

Milano (askanews) - Una proposta fortemente innovativa in grado di scardinare i classici modelli del Pay-per-View e Pay-per-Click tipici del mondo on line: è il Barter-Pay-per-Sale, la formula lanciata da Sixth Continent, piattaforma e-commerce di shopping card digitali, e presentata aglioperatori a Milano. La formula, testata da più di un anno, consente di pubblicizzare prodotti e offerte attraverso promozioni senza anticipi né rischi, ma pagando l'advertising soltanto in base alle vendite generate dalle campagne sulla piattaforma e contestualmente agli incassi. "Per l'azienda è un grande vantaggio perché paga soltanto in base al venduto e con parte dell'incassato - spiega Fabrizio Politi, fondatore di Sixth Continent - Quindi ha zero rischio e click, view e audience completamente gratuiti: non li paga più. E paga soltanto in base alle vendite generate dalla campagna pubblicitaria. E addirittura con parte dell'incassato: quindi non ha cash-out e non deve fare un investimento iniziale. E questo gli permette di calcolare preventivamente quanto sia sostenibile la campagna in base alla sua marginalità e ai suoi prodotti".

Barter-Pay-per-Sale capovolge in sostanza anche il concetto stesso di "risultato" di una campagna promozionale, fino ad oggi individuato nel numero di click o visite su una landing page, senza alcuna considerazione di quanto realmente venduto. "E' stato ribaltato il concetto di risultato fino ad oggi - puntualizza Politi - Il risultato per una azienda non sono né i 'click' né i 'view', ma sono le vendite. Quindi fino ad oggi ci siamo illusi che il risultato di una campagna fosse il 'click' o il 'view': no! Oggi torniamo all'origine: il risultato di una campagna sono le vendite dell'azienda che investe nella campagna pubblicitaria. Ora le vendite e gli investimenti pubblicitari sono perfettamente allineati con numeriche, metriche e percentuali definite prima, prioritariamente".

Nel corso della presentazione a Milano della formula "Barter-Pay-per-Sale" è stata annunciata anche una partnership tra Sixth Continent e Publitalia '80 finalizzata a supportare le imprese nel percorso di crescita con il business sulla piattaforma di e-commerce. "Attraverso il sistema il Barter-Pay-per-Sale - conferma il fondatore di Sixth Continent - che permette a qualsiasi azienda di accedere a campagne pubblicitarie come prima non era possibile, l'azienda cresce, acquisice capitali e poi ovviamente vuole anche distinguersi. E per distinguersi serviva per ogni paese un partner importante, e in Italia abbiamo scelto il partner migliore che è appunto Publitalia '80, e a quel punto l'azienda può iniziare anche a investire per entrare nella pubblicità di massa nella tv e non solo far vendite, ma anche distinguersi e quindi costruire il suo brand".

A circa sei mesi dal lancio ufficiale della piattaforma e-commerce di shopping card digitali, Sixth Continent consolida già risultati al di sopra dei budget preventivati e guarda al 2018 con solido ottimismo. "Siamo molto soddisfatti perché nei primi cento giorni dell'anno abbiamo già fatturato 7 milioni di euro in Italia, e pensare che lo scorso anno ne avevamo fatturati 8 e cento in un anno intero - conferma Politi - Ma quello che è interessante non è tanto il valore assoluto, ma il trend di crescita che è del 33-36 per cento al mese, e conferma le nostre stime, anzi le sta superando, e cioè di fare 45-50 milioni quest'anno solo sul mercato Italia".

Confermato infine dal fondatore Fabrizio Politi anche l'obiettivo della quotazione sul mercato azionario statunitense della casa madre, che ha sede a San Francisco: sono già in corso colloqui per valutare la quotazione al Nasdaq Private Market per poi avere una fast track per una Ipo entro il 2020.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news