Cerca

Fumo: corretta informazione e riduzione del danno per vincerlo

Prof. Polosa: per verifiche serve un osservatorio sul tabagismo

12 Aprile 2018

0

Bologna (askanews) - Secondo i dati dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), nel 2025 saranno ancora 1 miliardo i fumatori nel mondo. Per intervenire su questa previsione, la prevenzione deve essere una delle priorità a cui le Istituzioni devono puntare, attraverso giuste e attente politiche di intervento sanitario. Al tempo stesso, non possono mancare adeguati finanziamenti al mondo della ricerca accademica, al fine di poter verificare e confermare i promettenti risultati scientifici prodotti sino ad oggi dalle aziende del tabacco sui prodotti a potenziale rischio ridotto. È la richiesta arrivata dal 18° Congresso Nazionale della Società Italiana di Tossicologia (SITOX) organizzato a Bologna.

Sull'importanza di una corretta informazione dei danni provocati dal fumo è intervenuta la professoressa Maria Caterina Grassi, del Dipartimento di Farmacologia e Tossicologia della Facoltà di Medicina e Chirurgia de La Sapienza di Roma, che ha presentato i risultati di un indagine effettuata in quattro università italiane tra gli studenti delle facoltà mediche in merito alla conoscenza degli effetti dannosi del fumo. E proprio ai futuri medici, che si troveranno ad assistere i pazienti fumatori, è stato dedicato un progetto di e-learning, attraverso il quale apprendere le terapie farmacologiche migliori da adottare nei confronti di chi vuole smettere di fumare tra cui, in particolare, varie attività di ascolto e consulenza: "È stato visto che se il medico di base interviene sui pazienti attraverso un attività di counseling sul fumo - ha spiegato Grassi - si riesce a raddoppiare il numero di persone che riescono a smettere di fumare. Moltissimi medici questo non lo fanno. Ma la colpa è nostra, di noi docenti universitari che non abbiamo introdotto questi argomenti nei sei anni di insegnamento".

Il professor Riccardo Polosa, del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell'Università di Catania, presentando gli effetti sulla salute e l'impatto clinico dei nuovi sistemi di assunzione di nicotina, ha indicato le priorità su cui occorre investire nei prossimi anni. "L'approccio che io suggerirei è quello di prendere il coraggio a due mani, cominciare delle politiche sanitarie che promuovano la riduzione del rischio, stabilire un target preciso" per esempio "la riduzione di 1, 2 o 3 punti percentuali entro un preciso arco di tempo, di 3 o 4 anni. E nello stesso tempo istituire degli osservatori per il tabagismo che possano verificare e certificare i risultati ottenuti ad integrazione di queste nuove strategie e politiche di controllo".

Il professor Polosa ha recentemente partecipato ad un dibattito promosso dal Parlamento Europeo a Bruxelles durante il quale sono stati presentati i risultati di studi su e-cig e i potenziali benefici per la salute pubblica. "I principali punti emersi al meeting - ha spiegato - è che c'è una forte necessità di promuovere i prodotti a basso rischio perché le politiche di controllo del tabacco non stanno portando i risultati sperati. Quindi io auspico una maggiore integrazione delle esistenti politiche con una progettualità più spostata verso l'applicazione dei principi della Tobacco Harm Reduction".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news