Cerca

Confindustria: un Manifesto per guidare le Pmi alla sostenibilità

Il documento illustrato a Genova al Salone della CSR

29 Marzo 2018

0

Genova (askanews) - Dieci linee guida, dieci indirizzi concreti, per orientare le aziende lungo il percorso che porta alla CSR come fattore strategico di competitività. E' il "Manifesto sulla responsabilità sociale d'impresa per l'Industria 4.0" presentato da Confindustria alle Assise Generali del 2018 e ora illustrato capillarmente sul territorio, come è avvenuto anche a Genova nel corso della giornata di confronto al Palazzo della Meridiana, voluta dal Salone delle CSR e dell'innovazione sociale.

Nell'elaborare il proprio decalogo, Confindustria ha deciso di puntare su tre specifici obiettivi, tra i 17 previsti dall'Agenda 2030 dell'Onu per lo sviluppo sostenibile. "Abbiamo deciso di individuare tre obiettivi: l'obiettivo otto, il nove e il dieci - dice Rossana Revello, presidente del Gruppo Tecnico RSI di Confindustria - L'obiettivo otto significa crescita inclusiva. E quindi più lavoro e ovviamente più crescita. L'obiettivo nove significa lavorare sul tema importante delle infrastrutture, ovvero dare sostenibilità alle infrastrutture che sono elemento chiave per la crescita delle imprese. E l'obiettivo dieci, forse il più importante, che punta a combattere la disuguaglianza, perché per noi la crescita è una precondizione per combattere diseguaglianze e povertà".

Il "Manifesto sulla responsabilità sociale di impresa" di Confindustria è rivolto in paricolar modo alle piccole e medie imprese italiane, asse portante della nostra economia, ma non privo di criticità. "La maggior parte delle nostre imprese sono imprese piccole che hanno meno di quindici dipendenti - spiega Revello - e questo significa che noi dobbiamo parlare con questi imprenditori in modo diverso, perché il loro è un modo diverso da come si rapportano le grandi imprese sui temi della responsabilità sociale. E quindi dobbiamo aiutarle affinché possano avvicinarsi in modo sostenibile a questo percorso".

Va sottolineato che il Manifesto non è certo un documento teorico, ma poggia piuttosto su una strategia ben definita che punta a rendere concreti gli obiettivi e i valori enunciati. "Il nostro obiettivo è quello di aiutare le Pmi nella loro filiera - prosegue il presidente del gruppo tecnico RSI - E chi può aiutare sono le grandi imprese, i capi filieri, che hanno all'interno della catana di fornitura le nostre Pmi. Le grandi imprese così sono il nostro volano, l'elemento per il quale determinati comportamenti si concretizzano, ed essere inseriti in un determinato sistema può aiutare le Pmi a superare l'aspetto, diciamo 'di investimento', e a rendere questo investimento in buone pratiche veramente vantaggioso e produttivo".

Il Manifesto di Confindustria è stato illustrato a Genova nel corso della giornata di studi dedicata alle "Rotte della Sostenibilità", sesta tappa del tour nazionale che il Salone della CSR e dell'innovazione sociale sta svolgendo in vista dell'appuntamento nazionale a Milano, in Bocconi, il 2 e 3 ottobre 2018.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news