Cerca

In Messico la guerra dei sessi è sul ring: lotta uomini-donne

Tra sport e spettacolo, scontri per un messaggio di uguaglianza

27 Febbraio 2018

0

Roma, (askanews) - In Messico, paese tuttora immerso in una forte cultura maschilista, da qualche anno sono comparsi dei combattimenti "atipici", dove tutti i colpi sono permessi e dove uomini e donne si affrontano sullo stesso ring. Insomma, la guerra dei sessi in Messico passa per il combattimento. E nonostante la corporatura differente, gli scontri - tra sport e spettacolo - avvengono in un paese dove le donne si battono per l'uguaglianza e dove ogni anno vengono assassinate o violentate.

Lucia Urbina, lottatrice soprannominata "Raggio di Luna": "Andai a uno spettacolo e vidi le lottatrici dell'epoca, mi colpì molto, perché vedevo le mie vicine consacrate alle loro case, non facevano sport. E mi sono detta: non voglio essere come loro, voglio essere diversa dalla mia famiglia, voglio qualcosa di diverso nella mia vita e ho cominciato a fare lotta".

Il marito di Lucia, José Gabriel Martinez, coach e lottatore soprannominato Salamander. "Non c'è orgoglio nella violenza, l'orgoglio viene dal fatto che una donna trova il suo posto e rimanda i misogini al loro posto".

"Quando si combatte contro gli uomini - prosegue Lucia - corrono, corrono, corrono, combattono per loro e il pubblico è messo da parte. Invece noi, noi combattiamo per il pubblico".

Questo lottatore ha deciso di chiamarsi "Guerriero Nazi". Suo padre era "Il Tedesco", suo figlio, "Il Tedesco junior". E ora lui: "Noi siamo tutti uguali - dice il guerriero Nazi - penso che gli uomini che non amano vedere le donne sul ring siano uomini di altri tempi. Le donne sono più audaci".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news