Cerca

Siria, proseguono i raid su Ghouta Est malgrado risoluzione Onu

L'appello di Guterres per rispettare la tregua

26 Febbraio 2018

0

Damasco (askanews) - Hanno fatto il giro del mondo le immagini trasmesse dall'Osservatorio siriano per i diritti umani che ha parlato di alcuni casi di soffocamento di bambini vittime dei bombardamenti a Ghouta Est. I civili sono in preda alla disperazione e intrappolati in uno dei più feroci assalti della guerra civile in Siria. A Ghouta Est sono in attesa di aiuti e di supporto medico dopo i raid del regime compiuti malgrado l'accordo per un cessate-il-fuoco raggiunto alle Nazioni Unite.

Il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres ha rinnovato l'appello a rispettare la risoluzione 2401 adottata all'unanimità dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

"Le risoluzioni hanno senso solo se sono effettivamente rispettate", ha sottolineato Guterres. "Mi aspetto che questa risoluzione sia immediatamente applicata affinchè aiuti e servizi umanitari possano essere immediatamente forniti in modo che si possano alleviare le sofferenze del popolo siriano".

Oltre 500 persone sono state uccise nella campagna di bombardamenti delle forze del presidente Bashar al Assad, che ha colpito l'enclave alla periferia di Damasco per oltre una settimana.

Per il ministro degli Esteri Sergei Lavrov la tregua in Siria inizierà quando "tutte le parti sul terreno, come la risoluzione sottolinea, concorderanno le modalità per accedere a un cessate il fuoco completo, esauriente, su tutto il territorio della Siria" ha dichiarato.

E dall'Iran è arriva la difesa di Assad: "Gli attacchi continueranno sui sobborghi di Damasco controllati dai terroristi, mentre altrove la tregua sarà rispettata", è la posizione di Teheran.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news