Cerca

Il Carnevale di Rio raccontato ai sordi in Tv in lingua dei segni

Per la prima volta i suoni cedono il posto alle emozioni

0

Rio de Janeiro (askanews) - Per la prima volta nella storia, lo strabiliante carnevale di Rio de Janeiro, in Brasile, viene raccontato anche alle persone audiolese attraverso la lingua dei segni da un canale televisivo specializzato: Tv Ines. L'obiettivo è trasmettere anche a chi non può sentire l'emozione di questo grande spettacolo fatto di colori, vibrazioni e tanti decibel.

"Molte persone parlano della samba - racconta il giornalista Aulio Nobrega - e anche i sordi vogliono saperne di più per questo abbiamo pensato che fosse importante venire qui per capire meglio il carnevale, spiegare i temi scelti dalle varie scuole, raccontare le storie; i sordi hanno bisogno di sapere tutto questo nel linguaggio dei segni".

"Ovviamente io non sento nulla - ha continuato - però percepisco le vibrazioni, è una sensazione che mi scorre sulla pelle, una forza che va su e giù per la schiena".

Secondo le statistiche sono più o meno 10 milioni le persone sorde in Brasile, con un tasso in progressiva crescita. Aulio e Tv Ines hanno deciso, per questo, di raccontare anche a loro il tripudio di gioia del sambodromo, dove in ogni sfilata ci sono almeno 3mila ballerini provenienti da tutto il Paese, accolti dal tifo di oltre 70mila appassionati. Non tutti, infatti, riescono a leggere i sottotitoli nei video e quindi c'è bisogno che qualcuno spieghi loro le immagini in lingua dei segni.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news