Cerca

Emma: in "Essere qui" ritrovo l'equilibrio, ora sogno gli stadi

Un disco "nuovo e diverso" per celebrare la vita e la musica

25 Gennaio 2018

0

Milano (askanews) - Un disco per ripartire con positività nei confronti della vita e del proprio mestiere, dopo essersi resi conto della meraviglia di esistere e fare ciò che si ama: questo è "Essere qui", il sesto album di inediti di Emma, prodotto dalla cantante insieme a Luca Mattioni e anticipato dal singolo "L'isola". "È un disco nuovo e diverso, io ho avuto uno slancio diverso nei confronti di me stessa e del mio mestiere, mi sono riscoperta, ho fatto pace con tanti aspetti con cui cozzavo e ho riversato tutta questa positività, energia e cambiamento nelle scelte che ho fatto nel disco e nel modo di approcciarmi vocalmente in modo nuovo alle canzoni".

Del nuovo equilibrio fa parte una femminilità che parte dall'accettazione dei propri difetti, e il sapersi lasciare alle spalle le cattiverie degli altri, come canta in "Malelingue". "È un manuale di istruzioni per sopravvivere alle cattiverie e invito le persone normali come me, quando leggono le cattiverie di non pensare a chi dice le cose brutte ma alle altre 10 che vi vogliono bene. Non è una canzone contro gli odiatori perchè non amo dare importanza a queste persone".

Nonostante i traguardi raggiunti per Emma non mancano sogni e nuovi obiettivi da realizzare, non solo nelle vesti di cantante. "Il mio sogno sarebbe suonare in uno stadio, ma bisogna arrivare col tempo, il sogno della vita però è Vasco. Poi sono molto attenta ai giovani, vado nei locali ad ascoltare le band emergenti, se qualcosa mi piace cerco di far realizzare delle possibilità per questi nuovi talenti".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news