Cerca

Trump su Twitter: sul muro non cambia nulla, pagherà il Messico

Il presidente Usa: "Lo farà direttamente o indirettamente"

18 Gennaio 2018

0

Washington (askanews) - "Il muro è il muro, non è mai cambiato dal primo giorno in cui l'ho concepito e sarà pagato dal Messico, direttamente o indirettamente". Lo ha assicurato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornando a parlare della barriera al confine tra i due Paesi con una serie di post su Twitter.

Trump ha scritto che un possibile modo per far pagare il Messico sarebbe quello di stabilire "un rimborso a lungo termine", visto che il Paese "ha un assurdo surplus commerciale con gli Stati Uniti di 71 miliardi di dollari". "I 20 miliardi - ha detto - sono 'noccioline' in confronto a quello che ha fatto il Messico grazie agli Stati Uniti. Il Nafta è un brutto scherzo".

Nessun accordo potrà essere raggiunto, ha sottolineato l'inquilino della casa Bianca, senza includere il muro al confine con il Messico. Muro che dovrebbe costare circa 18 miliardi e coprire 1.500 chilometri del confine, secondo il piano consegnato al Congresso.

I tweet sono una risposta del presidente a un articolo in prima pagina del New York Times, in cui si afferma che il capo di gabinetto, John Kelly, avrebbe detto privatamente a un gruppo di parlamentari democratici che la posizione di Trump "si è evoluta", perché il presidente non era stato "pienamente informato" quando promise agli elettori di costruire il muro.

Kelly avrebbe detto di aver "convinto il presidente che il muro non è necessario". Il capo di gabinetto avrebbe anche espresso ottimismo su un accordo bipartisan sull'immigrazione.

Recentemente, Trump avrebbe dichiarato a un gruppo di senatori che non sarà necessario costruire un muro di 3.200 chilometri, visto che la natura rende impossibile l'attraversamento del confine per lunghi tratti; nei tweet odierni, Trump ha spiegato

che "non è mai stata prevista" la costruzione del muro "nelle aree dove ci sono protezioni naturali".

"Abbiamo bisogno del muro per la sicurezza e la difesa del nostro Paese - ha concluso Trump su Twitter - abbiamo bisogno del muro perché ci aiuti a fermare il massiccio ingresso di droghe dal Messico, ora giudicato il Paese più pericoloso al mondo. Senza muro, non ci sarà alcun accordo sull'immigrazione.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news