Cerca

Umberto Tozzi nella leggenda, "40 anni che ti amo in Arena"

"Sotto la doccia canto i Beatles, ho Morandi come maestro"

27 Novembre 2017

0

Milano (askanews) - Una canzone che fa parte della storia della musica italiana e che ha raccontato l'amore in modo semplice e diretto, Ti Amo di Umberto Tozzi merita di essere celebrata e il modo migliore per farlo è un album live. "40 anni che Ti Amo in Arena", è stato registrato in occasione dello storico concerto all'Arena di Verona lo scorso 14 ottobre. Una serie di duetti con gli amici di una vita, da Al Bano a Fausto Leali, passando per Gianni Morandi, Raf, Enrico Ruggeri e anche Anastacia, che in Arena non aveva invece potuto esserci.

"E' sicuramente un momento da fermare perchè è stato veramente speciale, con questi miei amici che sono venuti a trovarmi all'Arena e siamo riusciti a fermare le immagini e il suono in un bellissimo doppio Cd che esce il primo di dicembre. Questo è un evento speciale particolare, ma sto già scrivendo cose nuove che porterò in tour che farò da febbraio perchè ci siamo divertiti tantissimo".

Una carriera ricca di successi che continuano a emozionare il pubblico ma anche l'artista stesso che dopo 40 anni non è ancora stufo di cantare "Ti amo".

"Io non capisco che a volte cambiano gli arrangiamenti e ripropongono le canzoni fantastiche che hanno fatto in maniera diversa, io non sono d'accordo. E' come andare a sentire Paul McCartney e sentire che canta Yesterday invece che con la chitarra al piano, non è lo stesso suono, non mi piacerebbe".

E proprio i Beatles sono una delle grandi passioni di Umberto Tozzi. "Sotto la doccia canto le canzoni dei Beatles"

Quarant'anni di lavoro non lo spaventano e anzi Tozzi pensa al passato e al futuro nonostante la sua proverbiale pigrizia anche grazie a un amico.

"Io ho Gianni Morandi come maestro. Lui sicuramente si è riuscito a rinnovare sempre, è un artista di riferimento. Io sono felice di essere parte della musica italiana che è nata in maniera fantastica da quando Lucio Battisti incominciò a scrivere un repertorio unico".

E su una sua partecipazione a Sanremo ironizza tagliando corto.

"Io ci passo sempre da Sanremo perchè vivo a Monaco e quindi vado spesso, in occasione del Festival non vado, ma siccome ho diversi amici che quest'anno vanno magari da spettatore posso andarci una sera. Se mi invitano vado".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news