Cerca

Bambini dopo i 3 anni fuori dal lettone, rischio coinvolgimento

I consigli del pedagogista piacentino Daniele Novara

27 Novembre 2017

0

Roma, (askanews) - "Il lettone è una faccenda estremamente delicata perché tu in qualche modo coinvolgi a livello emotivo un bambino già grande, non stiamo parlando dei primi tre anni di vita, lo coinvolgi, perché il lettone è un luogo di intimità coniugale quindi tu lo trascini, lui vuole fidanzarsi con la mamma e quindi si butta nel lettone, dice al papà 'vai vai'... Qualche papà va via sul serio": così il pedagogista piacentino e direttore del Cpp (Centro psico-pedagogico per l'educazione e la gestione dei conflitti) Daniele Novara, durante la presentazione del suo nuovo libro "Non è colpa dei bambini" (Bur Rizzoli), che si occupa dell'allarmante boom di diagnosi a orientamento neuropsichiatrico nelle scuole negli ultimi 15 anni.

"Mi permetto di dirlo: una signora aveva tre gemelli, cosa abbastanza impegnativa, e un bambino di 12 anni, i gemelli sui 7 anni, 'vado a dormire con loro di notte così li tengo sotto controllo', mi diceva. Signora e suo marito? 'Stia tranquillo dottore lui dorme col cane'", ha raccontato l'autore dei bestseller "Urlare non serve a nulla" (2014) e "Litigare fa bene" (2013).

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news