Cerca

Terna, al via dismissione di 110 km di vecchie linee elettriche

Smantellamento legato al nuovo elettrodotto Udine-Redipuglia

21 Novembre 2017

0

Udine (askanews) - Dalla nuova alla vecchia linea elettrica. Dopo l'entrata in servizio il 1 ottobre del nuovo elettrodotto "Udine Ovest - Redipuglia" Terna ha avviato da Campolongo Tapogliano la fase due: lo smantellamento di 110 chilometri di vecchie linee elettriche. I primi 70 chilometri entro il giugno del 2018, gli altri quaranta entro il 2021. Il traliccio di Campolongo è il primo di 400 che saranno dismessi in 30 Comuni della Bassa friulana, demolendo linee che risalgono agli anni '50: si è iniziato coi 20 km della linea 220 kV "Udine Nord Est - Redipuglia" compresi tra la stazione elettrica di Redipuglia e la derivazione Safau, nel Comune di Pavia di Udine; successivamente sarà dismessa anche la linea a 132 kV "Istrago - Meduna".

La razionalizzazione delle vecchie linee è possibile grazie all'entrata in esercizio del nuovo elettrodotto: un opera fondamentale per risolvere i problemi di sicurezza della rete elettrica friulana, le cui uniche 2 linee a 380 kV risalivano agli anni '70-'80, mentre i consumi elettrici delle famiglie e delle imprese friulane sono nel frattempo più che raddoppiati.

L'amministratore delegato di Terna, Luigi Ferraris: "Sicuramente dobbiamo continuare a investire per realizzare le demolizioni e queste avranno un impatto importante anche sulle realtà locali: stiamo parlando di interventi già previsti che si materializzeranno entro l'estate prossima, con 70 chilometri di linea. Un progetto che nel suo complesso vale più di 110 milioni di euro e credo che abbia una buona ricaduta sui territori su cui passiamo". "Da un punto di vista ambientale direi che è una notevole evoluzione. Restituiamo ai cittadini molti ettari di terreno, trenta comuni vedranno linee eliminate che prima attraversavano i centri abitati. La nuova linea per il 98 per cento è fuori dai centri abitati. Stiamo andando verso la direzione giusta, sostenibile e fattibile".

Con la dismissione della vecchia linea elettrica si conclude il percorso di un'opera avviata nel 2006, come ha sottolineato la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani: "Una rete importante che risponde a quella che poteva diventare una emergenza per il Friuli Venezia Giulia, perché siamo per fortuna cresciuti negli ultimi anni ma avevamo una rete elettrica obsoleta: 50 km per 115 monostelo, eliminiamo 400 vecchi tralicci, liberiamo 680 edifici e in più liberiamo 367 ettari del nostro territorio, circa 524 campi da calcio, alcuni in zone protette. E' non solo una buona liberazione del territorio ma anche una restituzione".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news