Cerca

Afghanistan, l'Isis attacca un'emittente televisiva a Kabul

Tre assalitori con mitra e granate. Ancora incerto il bilancio

7 Novembre 2017

0

Kabul (askanews) - È stato l'Isis a rivendicare, con un comunicato alla sua agenzia di propaganda di riferimento Amaq, l'attacco condotto a Kabul da un gruppo di guerriglieri armati di mitra e bombe a mano contro l'emittente televisiva Shamshad, un canale in lingua pashtun che trasmette in tutto il paese.

Secondo il loro bilancio, sul terreno sarebbero rimasti 20 morti mentre secondo il portavoce della polizia, al momento, si conterebbe una sola vittima accertata, una guardia di sicurezza, ma i feriti sarebbero numerosi. Le autorità hanno dichiarato che gli assalitori erano tre, di cui uno è stato abbattuto.

Secondo le prime indiscrezioni, un attentatore suicida si sarebbe fatto esplodere all'ingresso della stazione tv per consentire agli altri membri del commando di fare l'irruzione. Sulle telecamere di sicurezza, il reporter dell'emittente Faisal Zaland, riuscito poi a fuggire da una porta di servizio, ha visto tre assalitori entrare nell'edificio. Prima hanno colpito una guardia, poi hanno cominciato a lanciare granate e a sparare all'impazzata.

"È stato un attacco alla libertà dei media, ma non ci ridurrà al silenzio", ha dichiarato il direttore delle news di Shamshad Adib Ehsas dall'ospedale in cui sono stati trasferiti i molti colleghi rimasti feriti.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

ultime news